«Allarme liste d'attesa, meno interventi 'non urgenti' con la pandemia». | Password Magazine

«Allarme liste d’attesa, meno interventi ‘non urgenti’ con la pandemia».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «In questa seconda ondata di pandemia si è andato ulteriormente ad aggravare la situazione delle liste di attesa per interventi chirurgici non urgenti (classe B/C/D) proprio mentre si stava cercando di recuperare tutti quelli sospesi durante la prima ondata)». Lo sostiene il Tribunale per i Diritti del Malato: «Attualmente – spiega il coordinatore Pasquale Liguori – si stanno effettuando solo interventi di classe A con una riduzione sensibile delle sedute operatorie. Pur tenendo conto che tutto il nostro ospedale è impegnato a combattere la pandemia, non si possono però trascurare le altre problematiche sanitarie che affliggono i pazienti (protesi di anca, ginocchio, ernie e ipertrofia  prostatica ecc.) tutte patologie  che all’atto della visita al paziente fu assegnata una classe non urgente ( ricordiamo B per ricovero entro 60 gg, C ricovero entro 180 gg o classe D ricovero entro i 12 mesi)».

In questi giorni al Tribunale giungono segnalazioni di pazienti che,  rientrando in tali classi, non sono in grado di sapere quando saranno operati: «Si tratta di patologie che presentano intenso dolore, gravi disfunzioni o grave disabilità che in molti casi impedisce loro di muoversi, di lavorare – precisa Liguori -. Abbiamo allora scritto  alla Direzione dell’ASUR Marche per evidenziare la problematica in questione sottolineando che, secondo quanto previsto dal Piano Nazionale di governo delle liste di attesa 2019/2021, qualora si modifichino le condizioni cliniche del paziente (ad esempio peggioramento della patologia) deve essere possibile modificare la classe di priorità assegnata a suo tempo, previa visita del medico specialista».

E conclude: «Ci chiediamo inoltre cosa risponderà l’ASUR e a chi verrà imputata la responsabilità, quando sicuramente e legittimamente perverranno richieste di risarcimento danni a seguito dei mancati interventi.   Noi riteniamo  che l’ASUR non si possa nascondere dietro l’emergenza coronavirus per non dare una risposta a questi pazienti, risposta che potrebbe essere quella di un cambio di classe di priorità ma anche di una programmazione  l’intervento in altra struttura dell’Area Vasta. Attendiamo fiduciosi una risposta , segnaleremo anche la questione all’Assessore regionale alla Sanità».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.