Applauditissimo Zibba al Concerto degli Allievi della Scuola musicale Pergolesi | | Password Magazine
Banner4Baffi

Applauditissimo Zibba al Concerto degli Allievi della Scuola musicale Pergolesi

JESI – Una festa della musica, quella di lunedì sera in piazza della Repubblica a Jesi, per il tradizionale “Concerto degli allievi” della Scuola Musicale G.B.Pergolesi col patrocinio del Comune e la collaborazione di Oikos e Rve.

“Senza di te” ha visto sul palco il cantautore Zibba, arrivato al grande pubblico grazie ai Premi della critica al Festival di Sanremo 2014. Gli allievi della Scuola Musicale Pergolesi, preparati dagli insegnanti e dal maestro Luca Pecchia, si sono esibiti in un vasto repertorio che ha spaziato da “Magherita” a “Fall”, da “In una notte con solo due stelle” a “Dammi una ragione” e poi “Qualche cosa di diverso”, “Ti scrivo una canzone” per poi passare a due successi intramontabili firmati Beatles “Hey Jude” e “Yesterday”. Poi ancora i brani di Zibba “Nella notte che verrà”, “Io di te non ho paura” scritta per Emma, “Universo” che da il titolo al nuovo progetto discografico del cantautore che vedrà la luce nel 2017. In finale sul palco è salito lui, acclamato dai ragazzi per il suo entusiasmo nel vivere il concerto da spettatore attivo e da cantante atipico: seduto in prima fila con il presidente dell’Associazione musicale Pergolesi Mauro Mazzuferi, con il direttore della Scuola Sergio Cardinali e il condirettore Giovanni Brecciaroli, Zibba ha scattato foto, selfie e fatto video da postare poi sul suo profilo social e Instagram, felicissimo e onorato che un istituto musicale dalla lunga tradizione culturale in città come la Scuola Musicale Pergolesi (40 anni di attività in stretta sinergia con il conservatorio Rossini di Pesaro con cui è convenzionata) abbia deciso di dedicare un intero concerto alla sua carriera musicale. Ha intonato “Anche se oggi piove”, “Farsi male” e “Senza di te” insieme agli allievi, poi in piena improvvisazione, Zibba ha imbracciato la chitarra e uscendo da una scaletta che avrebbe previsto la fine dello spettacolo, ha invece continuato a suonare. Via la cartellina anche per il presentatore Andrea Valeri che ha lasciato il palco al cantautore e alla sua musica. “Le Distanze”, dedicata a tutti i padri, “Medicina e dolore” scritta con Jovanotti, “Il giorno dei santi” composta con Omar Pedrini dei Timoria e dedicata alla moglie. Una festa della musica e poi la conclusione con la canzone “Se mi lasciassi sola” scritta dalla cantante indipendente Erica Mou e dedicata agli allievi della Scuola Pergolesi.

<Voglio dedicare una canzone a questi ragazzi che si sono esibiti stasera (ieri per chi legge, ndr.) – ha detto Zibba dal palco – per me è stato un regalo gigantesco, non mi era mai successo che dei ragazzi imparassero le mie canzoni. Sono stati fondamentali per me stasera, oltre che bravissimi>.

D: Come vede questa serata in cui tanti ragazzi, musicisti e cantanti, si esibiranno suonando i suoi pezzi?

R: “Non vedo l’ora di sentirli e di partecipare al concerto, mi sento privilegiato a essere qui. E’ la prima volta che suono sullo stesso palco insieme a dei ragazzi di una scuola musicale. Bello”.

D: Il concerto è stato anticipato da un workshop su “Canzoni e creatività”, come si è trovato in cattedra?
R:
“Fondamentalmente bene, è un modo per parlare più diretto e sincero. L’incontro è un modo per stare insieme, parlare di canzoni, di come nascono e di come si scrivono, un laboratorio collettivo per mettersi alla prova e scoprire insieme quali freni e talenti si nascondono dietro la nostra voglia innata di comunicare. Il tutto finalizzato alla scoperta della scrittura di canzoni e più ampiamente dedicato allo sviluppo creativo e alla conoscenza del linguaggio dei brani d’autore. Il workshop si sviluppa attraverso diversi esercizi che vanno da input di scrittura di gruppo all’ascolto e alla comprensione”.

D: Nella genesi di una canzone nasce prima il testo o la musica?

R: “Non esiste un modo universale per scrivere canzoni, ci sono tuttavia metodi per imparare ad approcciarsi liberamente alla scrittura e imparare a comporre. La musica è spontaneità, è la cosa più intima che abbiamo e la vera ricetta per creare qualcosa siamo sempre noi”.

D: Lei è considerato uno degli artisti indipendenti più apprezzati della scena musicale contemporanea: quanto conta essere indipendenti anche mentalmente in questo mondo?

R: “Credo che essere indipendenti sia un buon modo per avere sotto mano il tuo progetto musicale, ma più che mantenersi indipendenti, è fondamentale saper scegliere le persone che ti affiancheranno per portarlo avanti, la squadra è essenziale…io sto ancora cercando la mia dimensione”.

D: Ieri sera ci ha fatto ascoltare il brano che da il titolo al suo album “Universo” (in uscita per il 2017), ma quale è il suo universo?

R: “Il mio universo ha più punti di vista in cui sono tutti validi”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.