«Area Vasta 2, siamo in emergenza personale» | Password Magazine
Banner-StudioGamma
studiogamma

«Area Vasta 2, siamo in emergenza personale»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA La situazione dell’Area Vasta 2 per i sindacati CISL FP Marche della provincia di Ancona è chiara: le strutture sanitarie soffrono per la carenza di personale. Lo spiega l’associazione tramite un comunicato diffuso in questi giorni, in cui si sottolinea la preoccupazione per il presente, ma anche per il futuro, in considerazione dell’attuale situazione pandemica e della prospettiva della prosecuzione dello stato di emergenza legato al Covid.

Come si legge nella nota, al momento «risultano sospesi dal servizio o ricollocati ad altre mansioni operatori di vari profili, tra essi 10 Infermieri, 5 OSS e 3 ostetriche che seppur presenti in pianta organica, non possono esercitare la loro attività lavorativa».

Alle difficoltà legate alla gestione dei turni si sommano quello delle sospensioni del reparto di degenza, la cui mancata assenza complica la gestione delle strutture ospedaliere. Tali assenze, come si specifica nel comunicato, «incidono sulle attività se si associano alla prospettiva di ulteriori sospensioni o ricollocazioni nei vari centri ospedalieri e, anche, all’apertura di un nuovo reparto di 8 Posti letto Covid al Carlo Urbani di Jesi già dallo scorso lunedì 22 novembre». Per Cisl FP Marche, con l’attuale situazione della struttura jesina, a un ulteriore aumento dei casi di coronavirus alcuni pazienti potrebbero essere trasferiti nell’impianto di Senigallia.

Per rimediare alla situazione, l’Asur regionale «ha rinnovato alcuni contratti in scadenza che riguardano
personale infermieristico, ma 5 professionisti attualmente in attività finiranno il loro contratto fra novembre e dicembre, che però potrebbero essere richiamati in causa per sopperire alle già citate probabili carenze o sospensioni nell’organico ospedaliero».

Data la situazione la richiesta della Cisl marchigiana all’Asur e all’Area vasta 2 – quella della provincia di Ancona – è «di garantire l’organico completo, non fermandosi perciò solo al numero risultante dal piano occupazionale approvato in precedenza, ma basandosi sui dipendenti realmente in servizio».

«Infatti – sostiene il sindacato – è fondamentale capire quanti di quei
dipendenti siano ancora in servizio e se effettivamente i servizi siano in grado di andare avanti in assenza della proroga di questi contratti.

In un momento come questo, dove la situazione pandemica può aggravarsi
repentinamente, il personale in servizio non può e non deve subire riduzioni, lo
chiediamo come CISL FP a tutela non solo dei pazienti ricoverati per Covid, ma anche di chi ha necessità di cure sanitarie di base, perché ovviamente la riduzione del personale non può che incidere in negativo sulla qualità e tempestività dell’assistenza e sulle
prestazioni erogate».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.