Bacci: "La Fondazione rispetta regole e bilanci ma non mandiamo a casa nessuno" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Bacci: “La Fondazione rispetta regole e bilanci ma non mandiamo a casa nessuno"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “La petizione dei professionisti dello spettacolo mi dà l’opportunità di chiarire pubblicamente i criteri con i quali la Fondazione Pergolesi Spontini utilizza le risorse pubbliche e private, come riportato anche nel bilancio sociale”.

Così Massimo Bacci, sindaco di Jesi e presidente della Fondazione Pergolesi Spontini che aggiunge: “Va chiarito innanzitutto che la Fondazione non sta licenziando alcuno: i 148 firmatari della petizione saranno in larga parte impegnati nella prossima stagione lirica, ancorché con meno giornate. E questo a differenza di quello che accade in altri importanti teatri regionali dove né Orchestra né Coro vengono chiamati senza che si registrino petizioni o polemiche.

Invero il Teatro Pergolesi di Jesi con la Fondazione Pergolesi Spontini, in qualità di Teatro di Tradizione, non ha l’obbligo di assumere alle proprie dirette dipendenze personale artistico o tecnico a differenza di un Ente Lirico. L’impiego delle maestranze, ogni anno, è determinato dunque da un progetto complessivo economico e artistico che sottende ad ogni cartellone e che è il risultato di quattro elementi fondamentali:

1-      il rispetto dei parametri dettati dal Ministero dei Beni Culturali per il finanziamento dei due titoli ministeriali riconosciuti alla Fondazione (Stagione Lirica di Tradizione e Festival Pergolesi Spontini) con il relativo numero di titoli recite e concerti;

2-      il rispetto del budget a disposizione – sempre più magro in tempi di crisi – per far sì che le attività culturali della città non generino buchi di bilancio che ricadrebbero prima o poi sull’intera cittadinanza;

3-      la qualità del prodotto artistico;

4-      l’impegno sociale verso la collettività nella fattispecie quella jesina, garantendole, anche pur nelle incertezze e difficoltà del momento, un servizio/prodotto culturale di qualità a condizioni di accesso (biglietto) non economicamente gravose;

La progettazione di tutte le attività della Fondazione per il 2014 ha inteso coniugare questi aspetti e offrire una progettazione artistica importante pur in presenza della drastica riduzione delle risorse messe a disposizione dagli enti pubblici e dagli sponsor: quest’anno la Fondazione Pergolesi Spontini gestisce all’incirca 2,5 milioni di euro, circa la metà rispetto a 4-5 anni fa. Per far quadrare i conti con la qualità, è stato sempre fondamentale il ricorso alle collaborazioni e coproduzioni con soggetti nazionali e internazionali. Tutti e tre titoli della Stagione Lirica di tradizione 2014 si avvalgono di collaborazioni di prestigio, che consentono di abbattere i costi spalmandoli su più teatri coproduttori. Accade dunque che su tre produzioni, due inizino il loro percorso da teatri extraregionali, mentre Tosca partirà da Jesi per poi giungere a Fermo; la scelta delle maestranze è stata dunque condizionata dall’ottica di circuito e non dalla volontà di escludere le maestranze marchigiane. A dimostrazione della nostra buona volontà, è allo studio della direzione della Fondazione la possibilità di inserire al termine della Stagione Lirica 2014 un concerto lirico sinfonico, compatibilmente con le risorse economiche disponibili.

La situazione non è del tutto nuova, ricordo infatti che anche nel 2010 (un altro anno di tagli importanti alle risorse della Fondazione) su tre titoli in cartellone solo uno coinvolse i lavoratori della Form e del Coro, e non è inoltre il primo anno da quando la Fondazione gestisce il Teatro Pergolesi che la stagione lirica ospiti orchestre, cori ed operatori extra regionali. Ma va altresì ricordato quanto fatto dalla Fondazione negli anni passati per favorire e promuovere oltre i confini regionali le eccellenze artistiche marchigiane, con FORM, Coro Bellini e tecnici locali che hanno potuto lavorare nel circuito dei teatri coproduttori degli allestimenti di Jesi: Treviso, Fermo, Ascoli Piceno Udine , Pordenone, Brindisi, Ravenna.

Per il futuro, il nuovo decreto cultura varato poche settimane fa dal Ministro Franceschini obbliga anche la Fondazione ad una progettazione triennale e di ampio respiro. Potremo superare questa sfida e crescere solo lavorando sempre più in un’ottica di rete. Auspico dunque che in questo percorso le maestranze marchigiane possano essere attori importanti e collaborativi, nella serenità di un rapporto che potrebbe fornire a tutti nuove occasioni di lavoro”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.