Scarpe Lidl, a ruba anche da noi. Il perché del fenomeno | Password Magazine

Scarpe Lidl, a ruba anche da noi. Il perchè del fenomeno

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MARCHE – A volte nascono fenomeni commerciali apparentemente privi di senso, nella storia abbiamo svariati esempi. Ieri, 16 novembre 2020, la situazione straordinaria è nata da un paio di scarpe classiche, delle sneakers, marchiate Lidl. In un mondo dove i prodotti esclusivi, spesso costosi, fanno tendenza (basti pensare ad Apple) delle scarpe non economiche ma quasi regalate, diventano fenomeno di massa e riempiono le pagine di tutti i giornali italiani, mondiali, e creano file (in tempi di pandemia) anche nei rivenditori della Vallesina.

Un fenomeno da 12,99€, prezzo che, da solo, non basta a giustificare il tutto. Anche i colori, tipici dell’azienda, possono aver attirato l’attenzione di molti ma non bastano nemmeno loro.

Lidl ha scelto di disegnarsi da sola la sua linea è l’ha poi proposta con una ottima strategia di marketing che ha compreso l’invio del prodotto ad alcuni importanti influencer. Questo ha permesso di bypassare il bacino utenti classico della catena, quello degli abituali clienti, raggiungendo gli appassionati di moda (tutta), scatenando inoltre il noto fenomeno del reselling online. Le scarpe infatti erano disponibili in un numero limitato di esemplari ponendosi come prodotto esclusivo tanto da renderlo estremamente desiderabile, con reselling (rivendita online) che in alcuni casi ha toccato cifre di mille euro.

Il tutto è, ovviamente (previsto dal reparto marketing), diventato virale scatenando Meme ovunque, articoli giornalistici (come questo) e dichiarazioni di diversi esponenti. Restando nel nostro territorio per esempio, il sindaco di Monte San Vito Thomas Cillo, da sempre aggiornato e sensibile a tutte le attività di marketing e non solo, ha pubblicato un post molto seguito dove, con ironia, dichiara “Tutto sommato, abbiamo indossato cose molto più brutte delle scarpe della Lidl!“.

Meme con Conte e le scarpe Lidl

Ma perchè questo successo? Partiamo dal fatto che non sono solo le scarpe. Ciabatte, calzettoni e maglie sono andate a ruba ugualmente, ma sono state proprio le prime a scatenare il fenomeno. Il design particolare (brutte per molti, caratteristico per altri) collegato alla catena ha riscosso il piacere dei clienti abituali, una campagna marketing con influencer coinvolti ha attirato le altre persone. Per il resto, l’esclusività (potremo trovarle solo ora) unita alla possibilità di rivenderle a prezzi incredibilmente maggiorati hanno fatto il resto. Ma nella mente dei responsabili marketing della Lidl non c’era la voglia di vendere il maggior numero di accessori possibili. Volevano semplicemente far girare ovunque (e gratuitamente) il loro nome e marchio. Obiettivo centrato in pieno a livello mondiale. Permettetemi anche una riflessione sui social media. In tempi di WhatsApp, Facebook e Instagram, la sensazione è che le distanze tra le classi sociali sia molto calata in termini di consumo. E così, anche un prodotto di 13 euro può fare tendenza e questa se non è una novità assoluta poco ci manca. Magari qualcuno le ha comprate solo per strappare un sorriso ai propri contatti social, con un post apposito. Fatto sta che la nota azienda ha ottenuto un successo incredibile e tutti noi, anche commentando negativamente la cosa, non facciamo che alimentare il fenomeno dai colori sgargianti a soli 13€.

 

Articolo a cura di Matteo Baleani collaboratore di Password Magazine ed esperto di marketing e comunicazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.