Banca Marche, sit in dei risparmiatori: "Ridateci i nostri soldi" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Banca Marche, sit in dei risparmiatori: "Ridateci i nostri soldi"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Vergogna! Vergogna! Vergogna!”. E’ il grido di protesta dei risparmiatori e piccoli azionisti Banca Marche, riunitisi oggi davanti la sede operativa di Corso Matteotti per manifestare contro le truffe perpetuate ai loro danni. In centinaia sono accorsi al sit in organizzato dalle associazioni Vittime Salva-Banca e Azionisti Privati Banca Marche: tra i manifestanti non solo jesini ma anche altri marchigiani e poi gruppi provenienti dall’Umbria, dalla Toscana, dal Lazio, dalle città di Ferrara e di Chieti. Il freddo e il maltempo non hanno fermato i risparmiatori indignati che stanno vivendo una situazione grave di disagio economico e personale: “Hanno approfittato della nostra fiducia per derubarci – racconta un pensionato, dal ’68 cliente di Banca Marche – Per me questa banca era la mia banca: una seconda casa dove potevo custodire i miei risparmi, invece di tenerli sotto il materasso. La fiducia era massima e se ne sono approfittati”. Un altro manifestante racconta: “Ho comprato azioni solo perché volevo investire nella banca del mio territorio, senza nessun intento speculativo. Poi è arrivato l’azzeramento e ho perso diverse migliaia di euro. E hanno anche detto che lo hanno fatto per salvarci“.

Nella folla, c’è chi ha già preparato una denuncia per truffa e chi invece alterna la rabbia allo sconforto: “Mi sono sentito stupido, come se avessi aperto le porte di casa ad un ladro”, confessa un altro risparmiatore, cliente Banca Marche da due generazioni. A pochi giorni dall’entrata in vigore del “bail-in” –  la normativa europea che impone, in caso di crisi, che a pagare siano gli azionisti degli Istituti, ovvero i “proprietari”, senza alcun intervento dello Stato – sono molti i dubbi dei risparmiatori sul da farsi. Si teme ormai che il sistema bancario italiano non sia più stabile, in balìa di un Governo che non è in grado di tutelare i suoi cittadini e di Istituzioni che hanno conflitti di interessi talmente grandi da ingannare volutamente il risparmiatore italiano. In molti dicono di aver perso ormai fiducia in Banca Marche anche nella Nuova formula “perché indolente – spiegano – nel trovare una soluzione per le vittime di questa criminale manovra”.

In foto: Bruno Stronati

La diffidenza resta però anche nei confronti degli altri istituti bancari. Dopotutto, è difficile ricostruire un rapporto di fiducia da zero. “Con questo messaggio di protesta vogliamo cercare di mantenere vivi dissenso e disperazione nei confronti di chi ha architettato questa grande truffa – dichiara Bruno Stronati,  presidente di Azionisti Privati Banca Marche – Rappresento un’associazione di 13oo azionisti e piccoli imprenditori che non erano speculatori ma che semplicemente credevano nella banca del territorio, tanto da affidarvi i loro risparmi, ritenuti al sicuri. Si sono ritrovati invece con carta straccia nelle mani”.

Al sit in, si è unito anche il Gruppo Aiuto e Solidarietà insieme al presidente Massimiliano Lucaboni, coordinatore cittadino di Forza Italia: “Italiani truffati per milioni di euro, il Governo ha il dovere morale di intervenire per restituire il denaro ai risparmiatori: se non succede allora significa che siamo finiti sotto una dittatura di marionette e delinquenti”.  Ad assistere alla protesta anche Romina Pergolesi, consigliere regionale M5S: “La battaglia non si arresta – commenta sulla sua pagina ufficiale – All’ultimo Consiglio regionale, assieme a tutte le opposizioni, siamo riusciti ad ottenere che alla prossima seduta del 12 gennaio si discutano finalmente le nostre Mozioni presentate ben un mese fa”.

 

a cura di Chiara Cascio

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.