Bosco sanatorio Murri, divelta la rete | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Bosco sanatorio Murri, divelta la rete

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Cinque ettari di pineta incustodita, un tesoro paesaggistico in città. È il bosco sanatorio Murri,  così come comunemente noto, un luogo incantato dove il tempo sembra essersi fermato. Situato dietro l’omonimo ospedale, è protetto da una rete che ne circonda il perimetro.

Cittadini del quartiere Colle Paradiso e dell’ospedale hanno però segnalato il presunto abbattimento di una parte della recinzione, nel tratto che costeggia via dell’Agraria. A raccogliere le lamentele dei residenti, preoccupati per la tutela del bene, è il consigliere comunale di maggioranza Matteo Baleani che ha presentato in merito un’interpellanza per richiedere all’Amministrazione  «quali iniziative o provvedimenti ha adottato o intende assumere, una volta verificata la reale proprietà e responsabilità nella manutenzione del bene, per poter ovviare alle criticità lamentate e per, eventualmente, verificare e permettere una fruibilità del parco».

La questione dunque sarà affrontata in sede di Consiglio comunale venerdì prossimo.

«Mi sono personalmente recato sul posto ed ho verificato l’effettiva possibile pericolosità della struttura messa a protezione, ora in buona parte abbattuta, e l’attuale facilità con cui si può entrare nel
parco incustodito – si legge nel documento presentato dal consigliere Baleani -. L’ospedale Murri e relativo parco sono strutture che fanno parte della storia cittadina, conosciuti anche fuori comune, per molti anni protagonisti e apprezzati dai cittadini tanto de vedere importanti opere letterarie a loro dedicate».

Della pineta, quale bene storico e paesaggistico, sa bene il giornalista e storico Marco Torcoletti, autore del libro«Murri di Jesi, un illustre passato e un futuro da scrivere»:

«L’importanza di questa pineta fu tale sin dall’inizio, tanto che la Commissione provinciale di Ancona per la protezione delle bellezze naturali la incluse nell’elenco dei beni sottoposti a tutela paesistica – è il commento di Torcoletti -.I cinque ettari di verde lussureggiante che circondano il Murri sono da sempre parte della struttura stessa e sono stati determinanti nel percorso molto complesso di individuazione del luogo sul quale far risorgere all’epoca il sanatorio. Il parco doveva costituire un ulteriore spazio verde e climaticamente salubre per i pazienti ricoverati».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.