Campo Boario, 800 firme contro l'ampliamento del Centro Ambiente | | Password Magazine

Campo Boario, 800 firme contro l’ampliamento del Centro Ambiente

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
La commissione svoltasi ieri

JESI – Si è svolta ieri la commissione consiliare 3 sul progetto della variante urbanistica per la ridefinizione del progetto di riqualificazione del Centro ambiente Campo Boario convocata al seguito della petizione presentata dal comitato contro questa opera. La commissione si è svolta in un luogo diverso da quello abituale in quanto l’Amministrazione ha deciso di effettuarla nella sala del circolo di San Giuseppe per un maggior coinvolgimento della cittadinanza e di tutti i firmatari della petizione. Ad illustrarla proprio la prima firmataria, l’architetta Augusta Vecchi la quale ha sottolineato di aver raccolto ben 800 firme, simbolo di espressione degli abitanti del quartiere e non solo che dimostrano la loro contrarietà.

«Il quartiere San Giuseppe racchiude una notevole valenza con la presenza di orti pubblici, campo di calcio e di bocce, alcuni resti romani, una scuola elementare con maggior numero di alunni e per sino il torrente Granita e andare a inglobare nel centro ambiente anche il campo boario e l’ex mattatoio risulta essere una scelta sbagliata che non pensa al futuro del quartiere stesso» ha detto. La petizione pone infatti all’attenzione dei punti di riflessioni fondamentali come quello di domandarsi se è una scelta che soddisfa la cittadinanza, se sono stati analizzati tutti i costi-benefici, se la decisione è stata già presa e infine se si è pensato di poterlo realizzare altrove guardando in un’ottica futura della scelta. Per quanto riguarda la variante, già discussa in Consiglio comunale, nella petizione viene inoltre chiesto di togliere la capacità edificatoria nella zona circostante e di non far passare il Campo Boario come centro ambiente in quanto in caso contrario la zona verrebbe vincolata a quel nome che rimarrebbe negli anni a seguire. Ad intervenire è poi l’assessore Roberto Renzi che ha illustrato il progetto evidenziando come con la variante ci sarà «un incremento delle aree sportive scoperte, più parcheggi per le stesse e una sicurezza in più per chi frequenta gli impianti in quanto verrebbero realizzati ben tre accessi al Centro Ambiente: uno nell’area dell’ex mattatoio per i veicoli della nettezza urbana, dall’altro lato un ingresso per gli scuolabus e uno solo per i privati» . «Nel campo boario -ha detto Renzi- non transiteranno più umido, indifferenziata e ferro in quanto andranno direttamente nel centro di raccolta. Gli unici mezzi che stanzieranno sono quelli del vetro per qualche giorno in quanto la raccolta viene fatta in maniera saltuaria» .

Il consigliere Samuele Animali del gruppo di opposizione Jesi in Comune ha preso la parola per evidenziare come il progetto sia già passato in Consiglio comunale e che dunque non si è presa veramente in considerazione la petizione all’ordine del giorno presentata dalla Vecchi con tutte le argomentazioni del caso. «Il dubbio- ha detto Animali- è che è stato fatto fare l’intervento all’assessore Renzi solo per cercare di convincere le persone su tutti gli aspetti positivi della variante. Noi di Jesi in Comune avevamo chiesto il rinvio della votazione sulla variante proprio per il coinvolgimento dei cittadini mentre si è preferito prima approvare e poi informare e non coinvolgere» .

Dello stesso parere anche il consigliere Marco Giampaoletti di Insieme Civico, recentemente uscito dalla maggioranza, il quale ha evidenziato che la di discussione avviata è su un qualcosa che è già stato deciso. Secondo Giampaoletti «si doveva pensare prima ad una assemblea pubblica, informare bene i cittadini, confrontarsi e poi prendere una decisione sulla variante. Ormai non ha senso fare tutto ciò. Si parla tanto di riqualificazione con il centro ambiente-continua Giampaoletti-ma rivedere questa struttura non significa riqualificare in quanto per far ciò bisogna andare a rivedere tutto l’aspetto dei marciapiedi, delle strade e della manutenzione». Il quartiere San Giuseppe, ha infine detto Giampaoletti, da qualche tempo sembra essere stato dimenticato: «Siamo sicuri che non è pensabile lo spostamento del Centro Ambiente nella zona industriale con meno sovraccarico del traffico e lontano dai centri ricreativi all’aperto?».

L’assessore Renzi ha spiegato come sia un dato di fatto che i centri ambiente debbano stare in centro città per una maggiore funzionalità in quanto altrimenti sarebbe poco pratico per la cittadinanza la quale già si reca poco per portare i loro rifiuti «figuriamoci fuori città».

Alcuni consiglieri di maggioranza, rivolgendosi all’architetto Vecchi hanno evidenziato come la maggior parte dei  firmatari non siano residenti nella zona e che, leggendo dal volantino distribuito dal comitato, non siano stati correttamente informati sulla variante del progetto da realizzare. Chiedono infatti all’architetto in che modo è stato esposto il problema ai firmatari.

Augusta Vecchi ha risposto dicendo che non sono stati svolti consigli di quartiere ma che è stata scritta la petizione, fatta leggere ad ogni singola persona e, se ritenevano giusto ciò che avessero letto, potevano firmare. 

La commissione si chiude con l’invito dell’architetto Augusta Vecchi, prima firmataria, al prossimo consiglio comunale in cui verrà discussa la petizione. 

A cura di Emanuel Santoni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.