Capodanno a Jesi, piazza gremita per brindare al 2018 | Password Magazine

Capodanno a Jesi, piazza gremita per brindare al 2018

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Benvenuto 2018: la città di Jesi ha salutato il nuovo anno in una gremita piazza della Repubblica. In migliaia hanno scelto di trascorrere la serata di Capodanno in centro, per trascorrere una piacevole serata tra musica e divertimento.

La serata promossa dal Comune di Jesi è iniziata con il Cenone presso la sala del Mercato delle Erbe (Mercantini) che ha registrato il tutto esaurito, superando le 500 prenotazioni. Il Cenone anche quest’anno è stato reso possibile grazie al coordinamento di JesiServizi e la collaborazione con Onlus jesine quali IOM, Amicizia a domicilio ed ADRA. Durante la serata, tra una portata e l’altra, si sono alternati momenti di intrattenimento e animazione con la simpatia di Selena Abatelli. Grazie alla tombola solidale, IOM ha raccolto 1215 euro che saranno devoluti ad iniziative benefiche così come parte del ricavato della cena.

Dopo il brindisi, tutti in piazza per accogliere il nuovo anno. Sul palco allestito davanti al Teatro, una sempre grintosa Selena Abatelli, presentatrice della serata, affiancata da Emanuel Pàstina di Universal Event, ha dato via al countdown insieme al sindaco Massimo Bacci e all’assessore alla Cultura Luca Butini.

«Nell’anno del 220° anniversario dalla nascita del Teatro Pergolesi, l’augurio è quello di non smarrire mai la nostra identità e laboriosità» sono le parole del sindaco, seguite da un messaggio di speranza per chi affronta quotidianamente il problema della disoccupazione.

Poi l’assessore Butini ha ringraziato i volontari della Croce Rossa e le forze dell’ordine che, con la loro presenza, hanno reso possibile lo svolgimento della serata in tranquillità. A vegliare sulla sicurezza dell’evento una pattuglia della Polizia di Stato e alcuni agenti della municipale.

E poi musica fino alle 2 con gli Sean Conero che dal grande palco hanno fatto ballare e divertire il pubblico con i migliori successi nazionali e internazionali live mentre la casetta dell’Ente Palio distribuiva vin brulè e bottigliette d’acqua gratuite per il “decompression time”. Tra il pubblico anche alcuni ragazzi da Santa Cruz, in California, che proprio a Jesi hanno deciso di trascorrere l’ultimo dell’anno.

Nonostante il divieto di botti in piazza, allo scoccare della mezzanotte qualcuno si è comunque divertito a “scherzare con il fuoco”, lanciando petardi e persino fuochi d’artificio pur rischiando di beccarsi una sanzione fino a 500 euro.

A chiusura dell’evento, Selena Abatelli, al grido di “Teniamoci x Mano”, progetto benefico di cui è ideatrice e curatrice, ha rivolto un pensiero di vicinanza alle popolazioni colpite dal terremoto, ricordando che c’è ancora molto da fare per migliorare le condizioni di vita di molte famiglie. Agli “amici scossi” l’augurio quindi di un nuovo inizio, possibile solo grazie alla solidarietà di chi è pronto a dare una mano.

A cura di Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.