Castelbellino, traffico d'auto d'epoca. Due arresti | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Castelbellino, traffico d'auto d'epoca. Due arresti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – Da tempo i militari della Stazione di Moie  di Maiolati Spontini, agli ordini del maresciallo Sandro Troiano, hanno messo in atto un programma di controllo del territorio tale da consentirgli di passare al setaccio situazioni o soggetti legati al mondo della criminalità. Da qualche giorno i militari si erano accorti che nella frazione di Castelbellino Stazione circolavano individui sospetti e discutibili, tanto da mettere in atto mirati servizi di osservazione, pedinamento e controllo, con il supporto del Nucleo Operativo della Compagnia di Jesi.

Proprio ieri mattina, nell’ambito di tali controlli, i militari hanno notato un fatto curioso: un autocarro di una società di spedizioni si spostava in continuazione nella zona, come se stesse facendo delle consegne. Eppure, i conti non tornavano: nessuna società di spedizione effettua consegne di domenica. I militari quindi si appostavano e dopo qualche minuto, vedendo ripartire l’autocarro, decidevano di bloccarlo dopo qualche minuto. Dai primi controlli, emergeva dunque la presenza di un carico particolare: una Fiat 500 d’epoca, colore ocra, del valore di €15.000 e una bicicletta mountain bike di elevato valore commerciale. Da successivi accertamenti, i militari scoprono che l’autovettura così come la bicicletta risultavano rubate ad un privato a Recanati nella serata del giorno precedente. Di fronte a tanto, i Carabinieri conducevano in caserma i due “trasportatori”  – T. O. un tunisino di 38 anni e L. R., un romeno di 37, entrambi residenti a Torino – per approfondire gli accertamenti. Nel corso di tale attività, i militari scoprivano che i due erano venuti in zona al solo scopo di prelevare l’autovettura e di condurla nella loro città di residenza, dove molto probabilmente vi era già un acquirente. Dati gli elementi raccolti, i due stranieri sono stati arrestati per ricettazione in concorso e trattenuti presso la camera di sicurezza di questo Comando fino alla celebrazione questa mattina del rito direttissimo che ne ha convalidato l’arresto, con obbligo di dimora. Ora i carabinieri della Stazione eseguiranno di nuovo approfondimenti per risalire alla banda, probabilmente specializzata in furti di autovetture d’epoca.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.