«Colonnara, un patrimonio a rischio». Appello alle istituzioni per salvare il brand | Password Magazine
Banner-StudioGamma
studiogamma

«Colonnara, un patrimonio a rischio». Appello alle istituzioni per salvare il brand

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CUPRAMONTANA – «Tutelare il patrimonio socio-culturale-economico della Colonnara affinché nulla venga disperso» . A lanciare un appello alle istituzioni locali e regionali è Massimiliano Latini, presidente della Colonnara sca, storica società cooperativa di Cupramontana. «Va difesa una parte importante della storia di questo territorio, una vocazione deve continuare ad essere un motore fondamentale della nostra economia ed un elemento identitario di una comunità  – spiega -. Oggi Colonnara è un brand conosciuto ovunque, grazie a persone che con il loro lavoro permettono che la ricchezza prodotta da questa terra possa essere apprezzata dai consumatori. Persone che non possono essere sostituite, non ascoltate o bypassate, perché sono loro che garantiscono quella continuità che oggi è messa rischio».

Per meglio comprendere i fatti, è necessario fare un passo indietro. «Nel 2013 – spiega Latini – i soci della Cooperativa Colonnara, dopo aver approvato il proprio bilancio al 30/08/2012, chiuso con un fatturato sostanzialmente invariato rispetto agli anni precedenti di circa 2,3 milioni di euro, ravvisavano la necessità di individuare un percorso in grado di rafforzare il marchio, per renderlo competitivo alla strega dei marchi delle vicine cooperative vitivinicole che, grazie a una rete commerciale più strutturata, registravano un trend in continua espansione». Esclusa dai soci l’eventualità di stringere collaborazioni con competitor della cantina, la Colonnara ha optato per un’altra soluzione: «Abbiamo chiesto aiuto a Confcooperative, associazioni di categoria del mondo cooperativo di cui Colonnara è socia – prosegue il presidente -. La Confcooperative ci ha proposto così di aderire insieme ad un’altra cooperativa vitivinicola, la Morciola/Colli Pesaresi, ad un progetto di forte rilancio che avrebbe coinvolte entrambe le due realtà. La proposta si basava sull’unione delle due cantine le quali, aderendo al Consorzio di Cooperative Marchedoc erano in grado di creare le giuste sinergie sia per ottimizzare costi di produzione, confluendo su Cantina Colonnara come unico sito produttivo, sia per investire su un’unica rete commerciale in grado di offrire una vasta gamma di prodotti dati dal conferimento di entrambe le cooperative».

L’adesione a Marchedoc e il conferimento di immobili e marchio Colonnara. «A conferma del massimo coinvolgimento della Confcooperative – racconta Latini – si decise di individuare come presidente del Consorzio proprio un suo funzionario. E per incoraggiare detto rilancio, entravano nella Marchedoc anche due soci avventori: Fiduciaria Marche, versando 500 mila euro di fondi pubblici, e Fondo Impresa, con 500 mila euro di fondi confcooperative. La Colonnara ha da subito creduto in tale iniziativa tanto da conferire in Marchedoc tutti gli immobili e il proprio marchio diventato di fatto il socio di maggioranza in termini di capitale sociale».

I conti non tornano. «Con il passare degli anni purtroppo ci si è resi conto che la situazione di difficoltà che la cooperativa evidenziava prima dell’ingresso in Marchedoc non era cambiati anzi, a distanza di anni il fatturato che prima era solo della cooperativa Colonnara era rimasto invariato in Marchedoc nonostante l’unione con Morciola/Colli Pesaresi». I soci Colonnara chiedono allora spiegazioni al rappresentante legale della Marchedoc: «In risposta – spiega Latini – la Presidente nell’ultimo Consiglio di amministrazione, ha messo all’odg la proposta di una collaborazione commerciale tra Marchedoc e una vicina cantina vitivinicola concorrente alla Colonnara. Quello che i soci avevano scongiurato nel 2013 oggi di fatto si sta concretizzando in Marchedoc e a nulla sono valse le rimostranza avanzate».

Oggi ci sarà il Consiglio d’Amministrazione. «Uscire dalla Cooperativa  potrebbe significare dover rinunciare anche agli immobili o allo storico marchio, depositati in Marchedoc – rivela il presidente Latini -. Chiediamo aiuto alle istituzioni locali, ai sindaci del territorio, alla Provincia e alla Regione, nonché alle organizzazioni sindacali di categoria, affinché venga tutelato il patrimonio socio-culturale-economico della Colonnara».

Solidarietà dal sindaco di Cupramontana. «La Colonnara SCA rappresenta da sempre per Cupramontana e per tutto il territorio un’importante realtà economica e un’eccellenza nella produzione del vino – sono le parole del sindaco di Cupramontana Enrico Giampieri –. A fronte di alcune difficoltà che stanno emergendo, l’Amministrazione Comunale si sta attivando per verificare e sostenere tutte le possibili soluzioni a difesa dell’Azienda, a sostegno dei produttori vitivinicoli e di tutti i lavoratori coinvolti».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.