«Come per magia» si apre in Piazza Federico II per l’«Anteprima Festival» - Password Magazine

Festival Pergolesi

«Come per magia» si apre in Piazza Federico II per l’«Anteprima Festival»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un festival musicale pensato per incontrare pubblici di età e gusti differenti. Trenta appuntamenti dal barocco al classico, dal jazz fino ai confini del pop; concerti in cantina e al museo, musical, nuovi format di musica-gioco per bambini, e ancora sport, scienza e inclusione.

Dal 30 luglio al 27 settembre, a Jesi e Maiolati Spontini, appuntamento con il XXII Pergolesi Spontini Festival, a cura della Fondazione Pergolesi Spontini. Intorno ai due grandi compositori marchigiani, e al filo conduttore “Come per magia”, la manifestazione propone un cartellone multilinguistico e multidisciplinare. Artisti internazionali e giovani talenti saranno accolti da teatri, piazze, centri storici, cantine, chiese, musei.

Il Festival si apre in Piazza Federico II a Jesi, per una “Anteprima Festival” con importanti nomi della musica italiana: l’Orchestra di Piazza Vittorio, Fiorella Mannoia e Nicola Piovani.

Grande apertura sabato 30 luglio ore 21, con “Dancefloor” il nuovo concerto dell’Orchestra di Piazza Vittorio – OPV, l’ensemble multietnico unico nel panorama mondiale, in uno show dedicato al ballo, al ritmo e alla musica che supera i generi, gli stili e le nazioni. Sul palcoscenico, la voce di voce Houcine Ataa, Emanuele Bultrini alle chitarre, Giuseppe D’Argenzio al sax tenore e soprano, Duilio Galioto pianoforte e tastiere, Luca Libonati alla batteria, Roman Villanueva alla tromba, Carlos Paz Duque alla voce e flauti andini, Pino Pecorelli al basso elettrico, Raul Scebba alle percussioni, Ziad Trabelsi voce e oud. La direzione artistica e musicale è di Mario Tronco, distribuzione di Mauro Diazzi.

L’ensemble è stato fondato nel 2002 da Mario Tronco, con l’idea di creare un’orchestra stabile di musicisti provenienti da diversi paesi e culture. Un progetto che ha ridefinito il concetto stesso di World Music, ispirando decine di esperienze analoghe in Italia e nel mondo. Da questa esperienza, partita dall’ombelico di Roma, dal quartiere dell’Esquilino, sono trascorsi vent’anni di reciproche influenze di generi musicali e complicità tra i musicisti che hanno portato l’Orchestra a uscire dal selciato della musica per abbracciare anche altri ambiti, passando con disinvoltura dal teatro (“Carmen”, “Il Flauto Magico”, “Il Giro Del Mondo in 80 Minuti” e “Don Giovanni”) al cinema (Premio David di Donatello 2020 per le musiche del film “Il Flauto Magico di Piazza Vittorio”), alla musica sacra (“Credo”).

“Dancefloor” passerà in rassegna questo entusiasmante percorso, ripartendo dalle atmosfere de “L’Isola Di Legno” e dai classici del suo repertorio alle composizioni originali in primissima esecuzione -che faranno parte del nuovo disco in uscita in autunno. La scaletta della serata sarà un viaggio tra Paesi, culture e linguaggi. Ci saranno le atmosfere sensuali della cumbia boliviana, le danze berbere, la sacralità nel canto Sufi, i passi cadenzati della musica delle Ande, certe atmosfere caratteristiche degli anni ’60 Italiani, l’Afro Beat e la scanzonata allegria del reggae arabo.

Domenica 31 luglio ore 21, Fiorella Mannoia torna ad esibirsi dopo tanti anni a Jesi, nell’ambito del nuovo tour “La versione di Fiorella tour 2022”. La serata prende il nome dall’omonimo programma che la Mannoia ha condotto su Rai 3 dal 25 ottobre scorso, in seconda serata, e vede l’artista tornare sul palco con la sua band, dopo i concerti tenuti la scorsa estate, per interpretare i brani che hanno contraddistinto la sua carriera, dagli inizi fino all’ultimo album “Padroni di Niente”. Ad accompagnare Fiorella sul palco durante il tour i musicisti Diego Corradin alla batteria, Claudio Storniolo al pianoforte e alle tastiere, Luca Visigalli al basso, Max Rosati e Alessandro “DOC” De Crescenzo alle chitarre, Carlo Di Francesco alle percussioni e alla direzione musicale di tutto lo spettacolo.

Mercoledì 3 agosto ore 21, appuntamento con il compositore Nicola Piovani – premio Oscar per la colonna sonora de “La vita è bella”, a Jesi protagonista di un racconto musicale con l’esecuzione di brani inediti e altri più noti, riarrangiati per l’occasione. “La musica è pericolosa – Concertato” è un racconto musicale, narrato dagli strumenti che agiscono in scena – pianoforte, contrabbasso, percussioni, sassofono, clarinetto, chitarra, violoncello, fisarmonica. A scandire le stazioni di un viaggio musicale in libertà, Piovani racconta al pubblico il senso di questi frastagliati percorsi che l’hanno portato a fiancheggiare il lavoro di De André, di Fellini, di Magni, di registi spagnoli, francesi, olandesi, per teatro, cinema, televisione, cantanti strumentisti, alternando l’esecuzione di brani teatralmente inediti a nuove versioni di brani più noti, riarrangiati per l’occasione. Sul palcoscenico, con Nicola Piovani alla direzione e al pianoforte, saranno Marina Cesari al sax e clarinetto, Pasquale Filastò al violoncello e alla chitarra, Pietro Pompei alla batteria/percussioni, Carmine Iuvone al contrabbasso, Sergio Colicchio tastiere. Produzione Fondazione Musica per Roma.

Dopo l’anteprima, il festival riparte nella sua consueta collocazione di fine estate, a partire da sabato 3 settembre al Teatro Pergolesi di Jesi ore 21, con lo spettacolo tra musica e racconto “Il silenzio in cima al mondo (i voli di Zoff nel cielo di Spagna ’82)”, con Pamela Villoresi, ricorda quella che fu definita “la partita più bella del secolo scorso”, nei Mondiali di calcio 1982 di cui ricorrono i 40 anni. Il testo è di Giuseppe Manfridi, musiche di Cristian Carrara e Marco Attura, nuova la produzione in co-produzione con Associazione Mittelfest di Cividale del Friuli.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.