Confartigianato fa il punto con i Sindaci della Vallesina | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Confartigianato fa il punto con i Sindaci della Vallesina

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Importante incontro promosso dalla Confartigianato  della Vallesina che ha incontrato alcuni sindaci del territorio sul tema della riorganizzazione degli Enti locali prevista dalla legislazione nazionale e regionale che obbliga i piccoli comuni, cioè quelli fino a 5.000 abitanti ubicati fuori dalle comunità Montane e quelli fino a 3.000 abitanti siti nelle Comunità montane che devono unirsi in Unioni dei Comuni oppure convenzionarsi o fondersi per permettere un efficientamento nell’erogazione dei servizi e per contenere i costi di gestione degli Uffici pubblici.

Il summit,  come hanno sottolineato il Presidente e il  Segretario della Confartigianato della Vallesina Cristina Brunori e Giuseppe Carancini aveva l’obiettivo di presentare i contenuti della legge di stabilità all’esame del Senato e le proposte di modifica avanzate dalla Confartigianato e conoscere le strategie già adottate e quelle che sono in corso di realizzazione per rendere gli Enti Locali sempre vicini al territorio ma più dinamici, con meno burocrazia e nelle migliori condizioni per dare risposte veloci e certe ai cittadini ed alle imprese. Importante per i dirigenti della Confartigianato, ha sottolineato Gilberto Gasparoni responsabile sindacale, il nuovo ruolo delle Amministrazioni Locali che attraverso Convenzioni, Unioni o Fusioni, possono efficientare i servizi erogati, come è accaduto con la ASP che fornisce servizi di assistenza sociale ai 21 comuni della Vallesina che partecipano alla società, gestire con celerità i lavori pubblici a portata di piccole imprese, rispettare i tempi di pagamento.

Il Sindaco di  Staffolo Patrizia Rosini ha evidenziato la grande economia realizzata dai piccoli comuni che hanno piante organiche sottodimensionate, personale a scavalco e che presidiano il territorio con tante iniziative realizzate con il volontariato; Andrea Cesaroni sindaco  di Castelbellino ha  evidenziato i grandi risultati conseguiti grazie alle convenzioni stipulate fra comuni che permettono di efficientare i servizi verso il territorio seppur con sempre meno risorse e con le difficoltà poste dal patto di stabilità che non permette di realizzare le opere necessarie per una costante manutenzione del territorio;  Luigi Cerioni di Cupramontana ha giudicato strategiche la collaborazione e la presenza dei comuni sui territori che permettono di salvaguardare le  diverse storie, le culture, le aggregazioni della popolazione, le tipicità che sono una ricchezza dei piccoli paesi e frazioni; Massimo Bacci  primo cittadino di Jesi  ha evidenziato le difficoltà in cui versano tutti i comuni da quelli più grandi a quelli più piccoli per i continui tagli dei trasferimenti ed in questo contesto fondamentali diventano le collaborazioni e l’esercizio associato di funzioni anche con servizi erogati sui diversi territori: pertanto diventano essenziali  i processi di unione o convenzioni fra Enti locali per gestire i servizi di raccolta dei rifiuti, di fornitura dell’acqua e del gas.  I Sindaci hanno ribadito la massima disponibilità per i servizi convenzionati come quelli del trasporto pubblico, della polizia municipale, delle funzioni amministrative (Sportello SUAP), sociali per la gestione collettiva nelle Unioni comunali, ma al momento per un rifiuto di processi di fusione a meno che queste richieste vengano dal basso come è avvenuto nel nuovo comune di Trecastelli nel senigalliese.

Il consigliere regionale Enzo  Giancarli ha evidenziato che anche la Regione Marche farà la sua parte nel sostenere i processi che vengono avanzati dalle comunità locali e nell’individuare specifiche risorse ed interventi che possano sostenere i processi di collaborazione ed unione per continuare a dare servizi alle comunità locali oggi sempre più carenti per mancanza di risorse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.