Corinaldo, lo sfogo di una mamma delle vittime: “Fiera di mio figlio”

SENIGALLIA – Dopo il dolore per aver perso il figlio durante la serata dell’ 8 Dicembre alla Lanterna Azzurra di Corinaldo, diventata famosa come “la strage di Corinaldo”, per Donatella, mamma del giovanissimo Daniele Pongetti, si aggiunge il riscontro dei giudizi della gente.

Gente comune, che si ritrova a far chiacchere in un locale, a portata di orecchio di una mamma addolorata per la perdita del figlio, che ha voluto condividere sui social il suo sentimento di sdegno e di rabbia:

“Questa sera ero seduta in un locale pubblico con mio marito, mia figlia, il ragazzo e altri due amici di mia figlia e non ho potuto non ascoltare i discorsi fatti da persone sedute al tavolo a fianco. L’argomento era la tragedia della Lanterna… Eh certo non si parla d’altro. Ho cercato di trattenermi dall’alzarmi ad zittire questi  “signori” che non facevano altro che parlare di questi ragazzi DEBOSCIATI che ascoltano questi rapper dalle canzoni piene di parolacce, di ragazzi che vanno in discoteca ad ubriacarsi e drogarsi.

Il vero problema della vicenda accaduta è che quei ragazzi sono andati a divertirsi in discoteca, che però persone grandi e cosiddette “competenti” del campo dovrebbero tenere sotto dovute norme di sicurezza, ma che invece chissà mai per come o per chi non lo fanno.

Cari SIGNORI prima di aprire bocca dategli fiato.

AZZITTITEVI fate più bella figura. Sono la mamma di Daniele Pongetti e ne vado fiera di mio figlio”.

 

Ricordiamo che il giovane è morto a soli 16 anni in attesa del concerto del cantante trapper Sfera Ebbasta, di cui ora tanto si decantano i testi poco istruttivi, e seguitissimo dai giovani adolescenti. Nella tragedia di Corinaldo non è di certo il colpevole, visto che la tragedia è avvenuta prima che lui avesse raggiunto il locale. L’appello della signora vuole pertanto sottolineare che la tragedia avvenuta non riguarda il giovane pubblico presente quella sera, quanto piuttosto le mancate norme di sicurezza e i controlli che avrebbero potuto evitare quanto accaduto.

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*