Coronavirus, restano aperti in città impianti sportivi | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Coronavirus, restano aperti in città impianti sportivi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’emergenza Coronavirus paralizza le Marche e di conseguenza anche gran parte della città. Sospese attività scolastiche e manifestazione pubbliche, come da ordinanza regionale. Anche le diocesi marchigiane hanno comunicato che nei loro locali sono sospesi gli incontri di catechismo e dei gruppi parrocchiali, le attività di oratorio, di dopo-scuola, sportive, teatrali, cinematografiche e ogni genere di aggregazione.

Restano aperte al culto e alla preghiera individuale le chiese, sospese però le celebrazioni eucaristiche feriali e festive fino al 4 marzo. Nelle messe anche private, niente segno di pace e la Comunione si riceve sulla mano, svuotate le acquasantiere. Sospesi i servizi della Caritas diocesana e delle Caritas parrocchiali che prevedono contatto con il pubblico. Restano aperti invece i servizi di accoglienza gestiti dall’Azienda ai Servizi alla Persona (Asp), come la Casa della Genti: «I servizi assistenziali proseguono, sospesi solo quelli educativi  – spiega l’assessore ai Servizi sociali e sanitari Maria Luisa Quaglieri -. Abbiamo sensibilizzato operatori e ospiti dei centri, diffuso anche in più lingue il decalogo del Ministero per il rispetto delle norme igieniche. La situazione è costantemente sotto monitoraggio, in collegamento con Regione e Asur: al momento in città non ci sono emergenze da segnalare»

Aperti in città anche gli impianti sportivi per lo svolgersi delle attività, sospese invece le manifestazioni pubbliche di carattere sportivo.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.