Coronavirus, restano aperti in città impianti sportivi | | Password Magazine

Coronavirus, restano aperti in città impianti sportivi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’emergenza Coronavirus paralizza le Marche e di conseguenza anche gran parte della città. Sospese attività scolastiche e manifestazione pubbliche, come da ordinanza regionale. Anche le diocesi marchigiane hanno comunicato che nei loro locali sono sospesi gli incontri di catechismo e dei gruppi parrocchiali, le attività di oratorio, di dopo-scuola, sportive, teatrali, cinematografiche e ogni genere di aggregazione.

Restano aperte al culto e alla preghiera individuale le chiese, sospese però le celebrazioni eucaristiche feriali e festive fino al 4 marzo. Nelle messe anche private, niente segno di pace e la Comunione si riceve sulla mano, svuotate le acquasantiere. Sospesi i servizi della Caritas diocesana e delle Caritas parrocchiali che prevedono contatto con il pubblico. Restano aperti invece i servizi di accoglienza gestiti dall’Azienda ai Servizi alla Persona (Asp), come la Casa della Genti: «I servizi assistenziali proseguono, sospesi solo quelli educativi  – spiega l’assessore ai Servizi sociali e sanitari Maria Luisa Quaglieri -. Abbiamo sensibilizzato operatori e ospiti dei centri, diffuso anche in più lingue il decalogo del Ministero per il rispetto delle norme igieniche. La situazione è costantemente sotto monitoraggio, in collegamento con Regione e Asur: al momento in città non ci sono emergenze da segnalare»

Aperti in città anche gli impianti sportivi per lo svolgersi delle attività, sospese invece le manifestazioni pubbliche di carattere sportivo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.