Croce Rossa Jesi, tempo di bilanci dopo l'emergenza | Password Magazine
Festival Pergolesi

Croce Rossa Jesi, tempo di bilanci dopo l’emergenza

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Il presidente Francesco Bravi illustra il bilancio dell'operato CRI durante l'emergenza

Croce Rossa Jesi, un bilancio dopo l'emergenza

Croce Rossa Italiana – Comitato di Jesi, un bilancio dopo l'emergenza covid-19 nel nostro territorio. ARTICOLO: https://tinyurl.com/CRI-emergenzaIntervengono Francesco Bravi (Presidente CRI Jesi), Il Vescovo Don Gerardo Rocconi Ufficio Liturgico Diocesi di Jesi, Marialuisa Quaglieri (Assessore Sanità Comune di Jesi), Mario Caroli (Dirigente PS Jesi), Marco D'Auruzio Caritas Jesi Onlus, Bruno Dottori di AVIS Jesi, Corsetti Emanuela de Associazione Culturale Sipario, Giancarlo Ercoli (Artista)

Pubblicato da Password Magazine su Lunedì 22 giugno 2020

JESI – Cerimonia post emergenza questa mattina alla sede Croce Rossa di Jesi. Un’occasione per ringraziare tutta la rete di solidarietà che, intorno alla CRI, si è mossa per aiutare la popolazione durante i mesi di pandemia.

20200622_110156

«La Croce Rossa è sempre presente in situazioni di emergenza, in tutto il mondo  – ha detto il presidente dr Francesco Bravi -. Durante il covid, ci siamo occupati del trasporti di pazienti ma anche di consegna di farmaci a privati e ospedalieri, della spesa e di indumenti. Sta arrivando alla fase conclusiva, come concordato con il Ministero della Salute, l’indagine di serio prevenzione: circa 50 volontari hanno eseguito in queste ultime settimane oltre 2500 telefonate per i prelievi, effettuati poi dalle nostre infermiere professionali volontarie. Anche in questo periodo, una decina di volontari, in convenzione con il Ministero della Pubblica Istruzione, sono operativi nelle scuole per offrire assistenza durante gli esami di maturità agli studenti del Liceo Classico e del Cuppari Salvati. Altri 25 entreranno in funzione con i centri estivi. Riaperto infine il centro per la terza età in via Cavour».

vescovo
Don Gerardo Rocconi, vescovo di Jesi

Per il vescovo Don Gerardo «di fronte a tutto questo va sottolineato quante risorse ci sono sul territorio, tutte capaci di entrare in azione durante le emergenze e che ci danno un senso di sicurezza». L’assessore alla Sanità Maria Luisa Quaglieri, nel portare i saluti del sindaco Bacci, ha ribadito l’importanza delle associazioni e della rete di solidarietà: «Il tessuto di questa città è forte – ha detto – è composta di realtà, ognuna delle quali si è attivata per fare il proprio dovere, oltre la propria mission».

Quaglieri
L’assessore Maria Luisa Quaglieri

Sono intervenuti anche il primario del Pronto soccorso di Jesi Mario Caroli, il presidente dell’Avis di Jesi Bruno Dottori, il direttore della Caritas diocesana Marco D’Aurizio, Emanuela Corsetti dell’associazione Il Sipario, Giancarlo Ercoli, a rappresentanza degli artisti che hanno messo a disposizione le loro opere per una raccolti fondi a sostegno della Croce Rossa.

Caroli
Il dott. Mario Caroli, primario PS Jesi
D'aurizio
Marco D’Aurizio, direttore Caritas diocesana

A concludere, la commozione del presidente Bravi dopo aver letto un contributo scritto dall’associazione ADRA:  «Emozioni forti – ha detto – in questi miei 40 anni in CRI».

bruno dottori
Bruno Dottori, presidente Avis Jesi
Emanuela Corsetti
Emanuela Corsetti (Il Sipario)
Giancarlo Ercoli
Giancarlo Ercoli, architetto e artista

Poi gli scambi degli omaggi e un ringraziamento rivolto a tutti i volontari che hanno contribuito all’emergenza, alle associazioni e ai cittadini che si sono impegnati in prima linea e che continueranno a farlo, ora che la società di prepara a combattere una nuova lotta dopo il covid, quella contro la povertà.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.