«Difficile situazione nei Pronto soccorso»: lettera al presidente Acquaroli e al rettore Gregori - Password Magazine

Festival Pergolesi

«Difficile situazione nei Pronto soccorso»: lettera al presidente Acquaroli e al rettore Gregori

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CHIARAVALLE –  La Segreteria Regionale di Cittadinanzattiva delle Marche OdV, con sportello a Chiaravalle, ha inviato una lettera al presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli e al rettore dell’Università politecnica delle Marche prof. Gianluca Gregori.

«Attraverso anche la sua rete del Tribunale per i diritti del malato» viene rappresentata «la difficile situazione in cui versano i Pronto Soccorso delle Marche».

«Una situazione che va progressivamente a peggiorare sia per la cronica carenza di personale ma anche per l’impossibilita di inviare nei reparti i pazienti che necessitano di ricovero – si legge nella lettera -.  Pur consapevoli delle iniziative individuate dalla Regione per colmare i vuoti di organico, tra cui quella di acquisire con contratti co.co.co. medici specializzandi al 4 e 5 anno per la gestione dei codici bianchi in PS, pur consapevoli che la situazione qui segnalata è presente in tutto il territorio nazionale, la scrivente Associazione non può non rimarcare ancora una volta quanto detta situazione incida sia sull’assistenza del malato sia sul lavoro dei medici e degli operatori dei Pronto soccorso.

In ragione di ciò, Cittadinanza attiva delle Marche e Tribunale per i Diritti del Malato chiedono di  «avviare, nel più breve tempo, un tavolo di confronto tra Regione, Università, Aziende sanitarie/ospedaliere regionali, rappresentanze delle professioni sanitarie della MEU e le associazioni dei pazienti, che porti a definire, in maniera condivisa e altrettanto celere, proposte di intervento a tutela e garanzia sia del paziente che del medico e professionista del PS e per come già fatto in altre Regioni; l’eventuale possibilità di acquisire gli specializzandi in Medicina di emergenza/urgenza, cosi come gli specializzandi in tutte quelle discipline equipollenti /affini, iscritti al 1°, 2° e 3° anno, da impiegare in modo modulare in base all’anno di iscrizione, con compiti esclusivamente legati alle attività di gestione dei codici bianchi e sempre e solo sotto la supervisione dei Direttori del PS, che si renderebbero, così, garanti da una parte del loro percorso formativo “o11 the job” e dall’altra della sicurezza delle cure ai
pazienti».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.