‘Segnalazioni’, sulla app Municipium al via il servizio - Password Magazine
banner fondazione

‘Segnalazioni’, sulla app Municipium al via il servizio

JESI – Si chiama ‘ Segnalazioni‘ l’appello-invito rivolto dalle istituzioni a tutti i cittadini di buona volontà, uomini e donne che hanno a cuore – sembra siano in costante aumento, ogni tanto una buona notizia, di questi tempi, poi …  – le piccole (e grandi?) problematiche con cui siamo chiamati a confrontarci nella vita quotidiana.

In funzione già da alcuni mesi – circa 700 le segnalazioni di cui il 65% risolte positivamente – Segnalazioni è un servizio che consente ai cittadini di portare all’attenzione degli uffici comunali eventuali problematiche presenti nel territorio. La tipologia di situazioni che vanno segnalate all’app Municipium (possibilmente corredate da foto) riguarda nello specifico Strade e Marciapiedi, Verde Pubblico, Arredo Urbano, Segnaletica, Semafori, Illuminazione Pubblica, Rifiuti e Igiene Urbana, Cimiteri.

«Il naturale sviluppo di un impegno – cosi l’assessora Valeria Melappioni – per coinvolgere sempre più il cittadino come parte attiva, un approccio che cambia radicalmente la relazione e la responsabilità di tutti nella cura dei beni comuni e consente al Comune di avere un nuovo strumento di controllo sullo stato manutentivo del nostro territorio agevolando il programma dei piccoli e strategici lavori quotidiani».

Presentato dal sindaco Lorenzo Fiordelmondo e dalla dott.ssa Elena Calabrese, responsabile Digitalizzazione del Comune di Jesi, il servizio Segnalazioni fa parte delle funzioni app Municipium, gratuita e scaricabile su tutti i dispositivi mobili (smartphone o tablet) dotati di sistema Android o iOS. Chi non ha possibilità di installare l’app – avvertono i responsabili  –  può utilizzare il modulo Segnalazioni presente sul sito web del Comune di Jesi (segnalazioni.comune.jesi.an.it/it). Gli jesini di buona volontà, e non solo, sono avvertiti: se girando per la città capita di imbattervi in un cartello stradale rovinato, un ramo d’albero finito sulla sede stradale, una buca sull’asfalto, informate il competente ufficio del Comune. Civiltà, sensibilità, senso di appartenenza e, perché no, un modo semplice moderno  e diretto di dialogare con i cittadini. «L’ultimo miglio di un processo di digitalizzazione iniziato tempo fa – si compiace in video collegamento l’ing Stefano Ciceri, manager del gruppo Maggioli l’azienda che si occupa di rendere fruibili in modo semplice per i cittadini i dati  della P.A. e mettere a disposizione dei Comuni informazioni condivise da altre P.A. – al quale hanno aderito più di mille comuni in tutta Italia e che da subito ha visto Jesi in prima fila».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.