Dove non finisce mai l'incanto, l'omaggio a Jesi del fotografo delle star Emanuele Scorcelletti | Password Magazine
Lulù  

Dove non finisce mai l’incanto, l’omaggio a Jesi del fotografo delle star Emanuele Scorcelletti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Inaugura domani alle ore 19 davanti al Teatro Pergolesi l’installazione in formato gigante (8 metri per 4) che il fotografo di fama mondiale Emanuele Scorcelletti ha donato come omaggio alla 54esima stagione lirica di tradizione del principale teatro jesino, in occasione della prima del dittico “La serva padrona” di Pergolesi e “The telephone” di Menotti.

Lo scatto, dove i protagonisti sono cittadini, maestranze del teatro e amministratori, fa parte della serie fotografica delle mise en scene realizzata da Scorcelletti in diversi contesti europei. Un’immagine che rappresenta una “famiglia jesina” come l’ha definita il fotografo, con la bandiera della città, il leone rampante e volti sorridenti.

Emanuele Scorcelletti

Da domani sabato 23 ottobre verrà resa pubblica e fruibile all’intera popolazione dopo un anno dalla realizzazione dello shooting, quando, in piena pandemia, sono state scattate le fotografie del backstage, esposte all’interno del Pergolesi fino al termine della stagione lirica, a dicembre. Si tratta di un anticipo della mostra “Elegia fantastica: le Marche tra ricordi e visioni”, a Palazzo Pianetti dal 19 marzo al 4 settembre 2022.

Emanuele Scorcelletti, di padre jesino e madre friulana, francese per adozione, è stato premiato nel 2003 con il World Press Photo Award, per lo scatto di Sharon Stone sul tappeto rosso del festival di Cannes. È celebre per le sue foto di star del cinema e della moda, ma ha anche curato serie sulla cronaca della condizione umana nel mondo e, nel 2016, un reportage sul sisma delle Marche pubblicato da Le Figaro. A sua cura anche “Spirits of the Trees”, dedicato a un programma di piantumazione nel Tamil Nadu (una delle zone più aride dell’India) voluto dal progetto Greenhands sostenuto dalla Fondazione Yves Rocher.

Emanuele Scorcelletti
Il fotografo Emanuele Scorcelletti

Suona così la dedica che ha fatto a Jesi insieme alla foto che verrà esposta, “Tornare sempre dove non finisce mai l’incanto”: “Quello dello scatto al Teatro Pergolesi è stato un momento magico”, racconta, “era il 22 ottobre 2020, nel complicato periodo del Covid. Malgrado tutto siamo arrivati a fare questo ‘tableau vivant’, una sorta di scatto felliniano in cui ho cercato di mettere il mio amore per il teatro. Nello specifico per il Pergolesi, che mi ha meravigliato fin dalla prima visita. Ogni volta che sono all’estero parlo delle Marche e di Jesi. Credo di essere riuscito a concentrare in una foto quello che fa il teatro in questa città. Il risultato è una messa in scena un po’ ‘pazza’, simbolo dell’universalità dell’arte e del bisogno innato di ritrovarci insieme per creare qualcosa di profondo che resista al tempo”.

Singolare la genesi della fotografia, che è stata così spiegata: “Per rompere il ghiaccio ho messo la musica e ho fatto ballare i partecipanti. La bell’energia che s’è creata è evidente dall’immagine. Non sono stati fatti secondi scatti, subito buona la prima, in una volta sola tutte le espressioni del viso erano perfette e ognuno al posto giusto. Rimarrà per me un ricordo stupendo”.

Emanuele Scorcelletti

Tra i modelli anche l’Assessore alla Cultura Luca Butini, che ha mostrato grande stima nei confronti dell’artista: “Le sensazioni che ho avuto dall’incontro con Emanuele Scorcelletti sono state ben presto di serenità e fiducia, a livello umano ha la capacità di vedere il mondo e le persone con un’anima più profonda. Avrebbe potuto mettere barriere tra sé e una realtà come la nostra, invece ci ha travolto di iniziative e doni a tutta la città. Siamo di fronte a un momento di grande crescita nella percezione dell’arte e della cura di persone e paesaggi”.

Il luogo in cui questa suggestione ha avuto inizio è il teatro, rappresentato dall’Amministratrice della Fondazione Pergolesi Spontini Lucia Chiatti che ha voluto mettere in evidenza il perchè l’installazione sia all’esterno del teatro: “Il teatro è un grande luogo magico dove tutti siamo coinvolti e i ruoli non esistono più. Per questo l’installazione è fuori, affinché l’arte teatrale entri nella città. La passione di Scorcelletti diventa un tratto distintivo delle sue fotografie, come anche la sua dimostrazione di avere un cuore legato a Jesi. Questi  scatti ci aiutano a riassaporare la nostra terra”.

Giorgia Latini

D’accordo anche l’Assessora Giorgia Latini, che ha inviato un contributo video di riconoscenza al fotografo: “Attraverso le sue foto possiamo promuovere il nostro territorio. Non capita tutti i giorni di poter vedere immagini così suggestive dei nostri paesaggi, capaci di emozionarci e farci sognare. Il beneficio dell’arte si percepisce in modo dirompente, sono scatti vivi”.

La serie delle mise en scene comprende fotografie dell’ippodromo di La Gacilly in Francia, del centro termale di Baden e del festival teatrale tradizionale di Bregenz in Austria e del teatro Agnietenhof a Tiel in Olanda, in occasione dei 50 anni. L’immagine di Jesi, all’interno della serie, si distingue per essere l’unica a colori ed è stata già inserita nel prestigioso progetto editoriale dal titolo “Mook” dell’Istituto Culturale di Bruxelles, una serie di 22 volumi sulle regioni italiane, di cui il primo è dedicato alle Marche e vede Scorcelletti come portavoce dell’arte di questa regione.

20211022_121225

La collaborazione con il fotografo è stata curata dai Musei Civici di Palazzo Pianetti, in particolare dall’istruttore direttivo Simona Cardinali. Gli indumenti indossati per realizzare la fotografia esposta sono stati concessi da Gigole’ Store.

A cura di Angela Anconetani Lioveri

TESTI E IMMAGINI ©Riproduzione riservata

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.