Esce oggi "Cenere". La band jesina "Confini di tela" nella zona rossa di Visso | Password Magazine
Festival Pergolesi

Esce oggi “Cenere”. La band jesina “Confini di tela” nella zona rossa di Visso

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VISSO – 24 agosto 2020. Ore 3.36. Sono data e ora esatte in cui è uscito, su Youtube e Facebook, il videoclip di “Cenere”, il nuovo pezzo dei Confini di tela. A quattro anni esatti dal sisma che ha scosso Amatrice, primo tremendo sussulto di una sequenza che ha dilaniato il centro Italia, la rock band di Jesi (AN) ha voluto accendere i riflettori sulla difficile ripartenza dell’entroterra, ancora alle prese con le macerie e l’assenza di prospettive. La canzone – il cui testo è allegato – tratta proprio l’importanza delle piccole cose, dei sogni “banali e normali”, quando si è perso praticamente tutto. Il videoclip, girato integralmente all’interno della zona rossa di Visso, altro paese pesantemente colpito dal terremoto, vuol essere un modo per non far calare il sipario mediatico sulle aree interne, con particolare riferimento al cosiddetto “cratere sismico”. Girato a fine luglio 2020 e montato dal regista di Jesi, Jimmie Santoni, il video ha ottenuto due patrocini gratuiti, dal comune di Visso e dal comune di Jesi. La ballerina protagonista è Elisa Carletti, mentre le due disegnatrici che immortalano corpi in movimento, tra facciate mute e lacerate, sono Alessia Priori e Valeria Rossi. L’assistente alla regia è Anna Grilli. 

Fotogrammi del video di Cenere (1)

«Sappiamo bene che non potrà essere una canzone a innescare la ripresa di Visso e del territorio circostante – spiegano Marco Fersini (voce e chitarra), Matteo Tarabelli (chitarra e cori), Sergio Fabrizi (basso e cori) e Alessandro Violini (batteria), i quattro componenti dei Confini di Tela -. Volevamo tuttavia dare il nostro piccolo contributo affinché non finisca nel dimenticatoio quanto accaduto quattro anni fa. Abbiamo portato quanta più arte possibile dentro alla “zona rossa”, perché crediamo, forse anche ingenuamente, che la bellezza possa davvero salvare il mondo. A partire proprio dai tanti comuni che, da quella notte del 24 agosto, si sono dovuti fermare, per muoversi altrove e piangere le proprie innocenti vittime. Una comunità, del resto, non è la somma delle mura che ne delimitano palazzi e strade, ma è il riflesso di persone e di relazioni, di sentimenti ed emozioni. Ecco, Cenere parla di questo, innanzitutto».

Visso (7)

La canzone, scritta e composta dai Confini di tela, è strutturata come fosse una sequenza sismica. È il riff di chitarra a scuotere, per poi lasciar spazio a inquietudine, angoscia, rabbia e sfiducia. Non ci sono strofe o ritornelli ben individuabili, proprio perché il terremoto non concede alcuna certezza. E non si sa mai cosa viene “dopo”. “Cenere” è stata registrata e mixata al Maui Garage Studio di Montemarciano da Maurizio Sellani. Il mastering è stato curato da Andrea De Bernardi all’Eleven Mastering. È il primo singolo di un album, attualmente in fase di registrazione, chiamato “Ogni tuo ieri”. 

 

«Ringraziamo di cuore il comune di Visso, prima fra tutti la vicesindaca Patrizia Serfaustini, senza la quale nulla sarebbe stato possibile. Grazie anche al comandante dei vigili urbani, Ernesto Martini, al consigliere comunale Giancarlo Carioli, alla giunta e a tutti i vissani che ci hanno accolto – le parole dei Confini di tela -. Ringraziamo inoltre il comune di Jesi, il sindaco Massimo Bacci e gli assessori. Speriamo di aver dato il nostro piccolo contributo alla ripartenza e alla ricostruzione». 

Il video:

CENERE (il testo)

Qui è scesa la notte, il sole è fuggito via
Qui si trema la notte, il sonno è scappato via
Corrono giorni di polvere,
come faremo a ridere?
quando potremo rinascere?
macerie e progetti in cenere

Qui è scesa la notte, il sole è fuggito via
Qui si brucian ricordi, seduti su moduli gelidi
E chiedo..

Un sogno banale
un sogno normale
quello più austero che c’è
è troppo tardi per accusare
cercando la forza di vivere, o sopravvivere

Un sogno banale, un sogno normale, quello più austero che c’è
Perché qui c’è sempre la notte, e il sole non vuole restare
Qui si brucian ricordi, seduti su moduli gelidi

Qui si vendon speranze
ma i clienti non si vedono più
Qui chi urla più forte
non riuscirà più a parlare

Corrono, si rincorrono giorni..

 

CONFINI DI TELA

Marco Fersini (voce e chitarra)

Matteo Tarabelli (chitarra e cori)

Sergio Fabrizi (basso e cori)

Alessandro Violini (batteria)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.