Fontana Leoni, Italia Nostra: «Piazza Federico II, concorso di idee per riqualificarla» | Password Magazine

Fontana Leoni, Italia Nostra: «Piazza Federico II, concorso di idee per riqualificarla»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Fontana dei Leoni, Italia Nostra scrive una lettera indirizzata al sindaco Massimo Bacci e all’assessore ai Lavori pubblici Roberto Renzi.
Mercoledì 4 novembre, infatti, si è riunita l’Assemblea Generale dei Soci della sezione di Jesi e in tal occasione tra i vari argomenti si è discusso anche dello spostamento dell’obelisco.
«L’Associazione Italia Nostra Onlus, infatti, prevede proprio nel suo statuto di promuovere azioni per la tutela, la valorizzazione e la conservazione dei beni culturali, dei centri storici e dei monumenti – si legge nella lettera firmata dalla presidente Costantina Marchegiani – pertanto i partecipanti hanno ritenuto opportuno interessarsi di questo argomento, tanto sentito in questi giorni, ma senza entrare in merito al dibattito attuale, bensì approfondendo quelle che potrebbero essere le condizioni preliminari allo spostamento della fontana» .

Dalle riflessioni, sono emerse delle domande che Italia Nostra intende sottoporre al Sindaco: «In primo luogo, ci siamo chiesti per quale motivo il Progetto Sardellini – Marasca potrebbe subire adesso una variante, in favore dello spostamento della fontana da Piazza Federico II a Piazza della Repubblica, mentre quando abbiamo chiesto la stessa cosa per il monumento a Pergolesi ci fu risposto che non era possibile apportare modifiche al progetto. Chiediamo inoltre di sapere, qualora si decidesse di spostare la Fontana in piazza della Repubblica, a chi sarebbe assegnato l’incarico per la nuova sistemazione della piazza.

E’ peraltro evidente che in caso di spostamento della Fontana dei leoni in Piazza della Repubblica andrebbe riqualificata anche Piazza Federico II, resa orfana del suo centrale punto di riferimento: in tal caso Italia Nostra suggerisce che la cosa si realizzi mediante un concorso di idee.

Dal momento che si renderebbe disponibile uno spazio più scenografico, utilizzabile per manifestazioni di ogni genere da quelle culturali, a quelle artistiche e sportive, secondo Italia Nostra sezione di Jesi si rende necessario progettare un nuovo assetto che dovrà essere in ogni caso reso pubblico.

Auspicando che possa essere organizzato quanto prima con le autorità preposte un incontro in merito, si confida in un attento esame della questione, che possa portare ad un effettivo miglioramento urbanistico della città, nel rispetto dei tradizionali valori storici ed architettonici della stessa».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.