Astralmusic

Piazza Federico II, c’è una coppia di falchi che vive sul campanile

JESI – Vivono sulla torre del campanile del complesso San Floriano,  vegliando quotidianamente sulla piazza che diede i natali a Federico II.
Avvistata una coppia di falchi pellegrini selvatici che hanno scelto come casa proprio il centro storico di Jesi. La scoperta arriva dall’associazione Falconieri Federico II che, dopo aver ricevuto prime segnalazioni, si è subito attivata per saperne di più. La squadra, composta da Gianluca Tiroli, Nicola Marasca e Marco Micheli, da circa un mese e mezzo osserva i cieli per studiare i movimenti dei rapaci e, dopo alcune settimane, è già intervenuta con un progetto interessante per la città.

«Circa un mese e mezzo fa, c’è stata segnalata la presenza di un falco, che poi abbiamo scoperto trattarsi di una femmina di almeno 6 o 7 anni d’età, che vive in piazza Federico II – racconta a Password Gianluca Tiroli –  Grazie alla collaborazione degli uffici del Comune, siamo saliti all’ultimo piano del campanile e lì abbiamo trovato resti di piccioni: si tratta dello spiumatoio, ovvero il luogo dove il rapace consuma il pasto». Monitorando i cieli, i falconieri hanno scoperto poi che accanto alla femmina volava anche un esemplare maschio. Si faceva largo dunque l’ipotesi di una possibile nidificazione. «Grazie agli uffici tecnici del Comune – spiega Gianluca – abbiamo installato sul campanile una casetta di legno appoggiata al davanzale, studiata nei dettagli e perfettamente appropriata alle loro esigenze, per offrire alla coppia un luogo adatto dove nidificare».

Il nido artificiale preparato

Obiettivo, creare un habitat consono alla coppia cosicché possano continuare a vivere indisturbati e mettere “su famiglia”, contrastando allo stesso tempo e in modo naturale il problema della prolificazione dei piccioni in centro: «È raro che dei falchi scelgano spontaneamente la città come ambiente ideale di vita, forse è l’unico caso nelle Marche  – continua Gianluca – Non si sa da quanto tempo siano qui: certa è la testimonianza della loro presenza e che questi animali abbiano scelto liberamente di dimorare qui, ruotando per diverse ore al giorno intorno al centro storico. Questo dimostra due cose: che l’aria è salubre e che…c’è tanto cibo».
Da non trascurare l’aspetto quasi “fiabesco” di tutta la vicenda: «Di tutti i campanili, hanno scelto proprio quello che si affaccia sulla piazza dove è nato l’Imperatore, quasi a rendergli omaggio». E si sa che Federico II fu uno dei più grandi esperti ed appassionati di falconeria durante la sua epoca, un’arte che coltivò per tutta la vita e che, secondo lo Stupor Mundi, rappresentava anche una manifestazione simbolica di potere.

Il Falconieri di Federico II coinvolti nel progetto

E quasi tutte le mattine, i due falchi sono in cima al campanile o sul tetto. «La nidificazione è prevista per la fine del mese: ci auguriamo che possa avvenire nella casetta che abbiamo preparato per loro dove potranno essere osservati durante l’allevamento attraverso una webcam fissa».

Le condizioni ci sono tutte ed il nido artificiale è pronto: gli eventuali nuovi nati potrebbero poi colonizzare altri luoghi e insediarsi in altri centri storici, anche di zone vicine, purché non manchino campanile e piccioni.
Ai Falconieri di Federico II non resta che monitorare quotidianamente la coppia, con gli occhi puntato al cielo: e chissà che nel luogo preparato ed allestito con tanta cura non arrivi finalmente “la cicogna”.

A cura di Chiara Cascio

2 Commenti su Piazza Federico II, c’è una coppia di falchi che vive sul campanile

  1. la presenza del falco pellegrino nei centri storici delle Marche specialmente in inverno è una cosa normale vista la quantità di prede presenti come piccioni e taccole nella Marche abbiamo censito una popolazione di oltre 80 coppie nidificanti ed alcune già nidificano in alcuni centri storici l’importante è lasciarli in pace Jacopo Angelini ornitologo wwf

  2. La presenza del falco pellegrino è largamente documentata in ogni stagione in molte città di tutto il mondo e la scelta sembra ricadere sui punti clou dei centri storici. Vedi Roma, La Sapienza; Bologna, S. Petronio; Firenze, la cupola del Brunelleschi (Santa Maria del Fiore). Sono soltanto esempi particolarmente significativi che stanno a dimostrare tra l’altro la progressiva urbanizzazione di specie selvatiche che trovano nelle città abbondanza di prede e assenza di predatori. Nella speranza che una progressiva sensibilizzazione possa ottenere non soltanto che vivano indisturbati, ma anche che i giovani siano aiutati nei difficili momenti dell’involo, come si fa già da tempo in molte città e siti di nidificazione negli USA.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*