Banner Aprile IH Victoria

Giostra a Moie. L'Ente Palio:“Nessun forfait, solo un problema di risorse”.

JESI – “Non ci sono stati forfait da parte nostra, il no definitivo è arrivato ieri a mezzo stampa dall’ associazione Equestre Vallesina che evidentemente non ha ritenuto sufficienti le risorse economiche e umane messe da noi disposizione perla Giostra del 28 aprile”. Queste le parole della presidente dell’associazione Ente Palio San Floriano Chiara Cascio, in risposta alle dichiarazioni della presidente Maria Grazia Ferrazzani che ha accusato gli “Amici del Palio” di aver mancato all’impegno preso.

“La faccia e il sudore ce l’abbiamo messo anche noi, invitando sindaci e assessori delle Amministrazioni comunali della Vallesina a prender parte ad un’iniziativa di cui ci siamo fatti noi stessi promotori – continua la presidente – Per la prima volta, abbiamo invitato i Comuni della Vallesina a sedersi intorno ad un tavolo e a discutere insieme su progetti e obiettivi condivisi. È stato fatto un passo importante che, purtroppo, non si è concretizzato nel risultato sperato per limiti legati a ristrettezze economiche. Alcuni Comuni si sono impegnati fino in fondo per la realizzazione della Giostra, attivandosi da subito, altri sono rimasti ai blocchi di partenza. In un periodo di crisi economica come quello attuale, è sempre più difficile reperire e garantire fondi e da soli non eravamo in grado di sostenere un’iniziativa che per l’associazione Equestre doveva essere indiscutibilmente di altissimo livello”.

Venerdì scorso, la data dell’ultimo incontro con i Comuni per definire il tutto: dei quindici che avevano inizialmente aderito all’iniziativa, solo la metà era pronta a parteciparvi.

“Questa metà c’era ed era a disposizione per domenica. Così come erano pronti i nostri figuranti e i Gruppi storici – spiega la presidente Chiara Cascio – Come associazione, abbiamo fatto del nostro meglio, sia in termini di operatività che di collaborazione. La Quintana era un’iniziativa studiata e pensata per creare valore aggiunto al territorio: questo l’obiettivo, l’unico, per cui ci siamo battuti, togliendoci noi stessi energie, tempo e risorse. Se già il 10 marzo scorso, l’associazione Equestre non era convinta dei tempi, a detta della Presidente troppo brevi per mettervi la giusta “perizia e attenzione”, non essendo noi a conoscenza dei costi e delle modalità di realizzazione di una giostra medievale, in quanto materia di non competenza dell’Ente Palio, avremmo preferito da parte loro un no più deciso qualche mese fa, piuttosto che una campagna accusatoria a posteriori sui giornali nei nostri confronti, a conclusione di un progetto bello ma, per le tasche nostre e dei Comuni, al momento non fattibile”. E conclude: “Ringrazio comunque tutte le Amministrazioni che si sono impegnate, credendo fino all’ultimo in questo progetto. Credo che almeno le basi per una maggiore partecipazione dei Comuni al Palio siano state gettate: l’intento resta quello di proseguire per la strada della collaborazione e del coinvolgimento”.

Comunicato da: Ente Palio San Floriano 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.