«Il sole si fermò di camminare», la tradizione orale rivive attraverso Marino Carotti

JESI – Si chiama «Il sole si fermò di camminare» l’album di Marino Carotti, musicista e ricercatore jesino, già autore del recente volume «Né acqua, né luce, né strada…» che raccoglie gli antichi saperi della tradizione orale marchigiana grazie a uno studio effettuato sul campo negli ultimi anni del secolo scorso.
Antiche ballate, filastrocche, scioglilingua, serenate, fiabe a formula e rime infantili rivivono grazie al cd che non è solo un capolavoro da ascoltare ma una vera e propria biblioteca della memoria, capace di custodire la cultura di una volta.
 Tutti i brani sono adattati e arrangiati da Marino Carotti, tra ballate, canti di lavoro a ritmo di saltarello, strofe sulla guerra, canti di lavoro a ritmo di saltarello e strofe sulla guerra, l’amore, la quotidianità dell’epoca che fu. Il cd inizia con il canto di un’informatrice e prosegue, traccia dopo traccia, con voce e musiche di Carotti. L’artista fa dunque da ‘ponte’ verso le nuove generazioni che chiudono l’album. Il progetto dell’autore jesino, infatti, coinvolge nei canti anche 48 bambini di due classi della scuola primaria «Monte Tabor» per l’esecuzione di un brano e 25 della scuola media «Paolo Borsellino»  per la lettura di alcune filastrocche e rime infantili popolari. La presentazione del libretto è a cura del prof. Franco Musarra, l’immagine di copertina è un dipinto del pittore Bernardo Bosi. Il titolo non è solo il verso di uno dei brani contenuti ma racchiude in sé valori tutti da scoprire.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*