In 137 per festeggiare l'appartenenza di una vita a Borgo Minonna | | Password Magazine

In 137 per festeggiare l’appartenenza di una vita a Borgo Minonna

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – C’era un sogno da realizzare che abbracciava tutto il popolo originario di Minonna: incontrarsi per stare insieme, rievocare i felici tempi andati, riscoprire quell’amicizia che legava tante persone.

E così, nel giorno della festa della Repubblica, il 2 giugno scorso, quel sogno è divenuto realtà: dopo decenni di strade diverse in 137 hanno risposto all’appello lanciato dall’organizzazione volontaria, in particolare con il contributo di Pierino Margarucci, Franco Montalbini e Alberto Cardinali.

Intorno a una grande tavolata – perché il buon cibo accomuna ancora di più, mette allegria – presso “L’Antica Taverna alla Selva” di Cingoli, si sono ritrovati quelli che hanno condiviso gli anni migliori della loro vita.

Il colore dei capelli è cambiato, non più biondo o bruno ma un grigio diffuso. Non importa, l’emozione di rivedersi è stata tale che si è sciolta in un abbraccio, in tanti abbracci.

Tre donne le più anziane presenti, ultranovantenni: Amelia Barchiesi, Zelinda Palmieri, Siria Tilio.

“Borgo Minonna – è il pensiero comune – ha una marcia in più rispetto agli altri, e lo dimostra non solo in questa occasione ma nelle tante iniziative che caratterizzano quella ben definita parte di Jesi che ne costituisce una delle porte d’entrata”.

Una festa che ha raccolto mille pensieri, tante parole, sorrisi, e quel senso di appartenenza che contraddistingue da sempre chi viene da Borgo Minonna, paragonato a un “magnifico Eden, una splendida località lungo la sponda destra dell’Esino, dove i residenti vivevano grazie al lavoro dei rigogliosi campi, alla selvaggina delle zone interne e all’abbondanza di pesce nel fiume. E con le pecore che pascolavano beate sui verdi prati”.

Tra i tanti nomi che spiccano nel ricordo, quelli di don Ezio, insegnante di catechismo e di vita, Anna “de Minonna” (Luminari), titolare dell’osteria, “nostra seconda casa”, Ricciolì (Attilio Cesaroni, forse…), instancabile lavoratore e cavatore di ghiaia nell’Esino.

Alla fine ci si è lasciati a malincuore. Con una promessa, però: quella di rivedersi tutti insieme al più presto.

Pino Nardella

Foto Candolfi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.