«Io Apro», ristoratori d'Italia pronti a sfidare il Dpcm: «É sopravvivenza» | Password Magazine

«Io Apro», ristoratori d’Italia pronti a sfidare il Dpcm: «É sopravvivenza»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

«Non siamo disobbedienti, è solo sopravvivenza». Così spiega Umberto Carriera, il ristoratore di Pesaro già noto per aver aperto a ottobre scorso alcuni dei suoi locali a cena in barba ai Dpcm.

Insieme a lui, venerdì 15 gennaio altri ristoratori e baristi da 48 città italiane – in tutto 60 mila le adesioni ricevute – sono pronti ad aprire aderendo al movimento #ioapro1501. Alla vigilia delle restrizione previste dal nuovo Dpcm, è pronta a partire una protesta dei gestori pacifica e rispettosa delle misure anti-contagio.
All’occasione, in manifestanti hanno varato un proprio “Dpcm” ovvero il Decalogo Pratico Commercianti Motivati: tra le regole «tavoli alternati uno si e uno no – spiega Carriera – mascherina obbligatoria, distanziamento, gel e conto alle 21.45 nel rispetto del coprifuoco».

«Noi – conclude Carriera – apriamo venerdì, altrimenti non riapriamo più. Siamo al collasso, non ci sono più soldi».

E se arrivano le multe? L’imprenditore spiega che c’è pronta una task force di 30 avvocati che tuteleranno commercianti e clienti, in maniera gratuita: «Faremo centinaia di migliaia di ricorsi».
Durante la diretta Facebook con Salvini, Carriera ha annunciato inoltre che la protesta si allargherà nelle prossime settimane anche a palestrepiscine e al mondo dello spettacolo.

1 Commento su «Io Apro», ristoratori d’Italia pronti a sfidare il Dpcm: «É sopravvivenza»

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.