Rischio ingorgo per il Recovery Fund | Password Magazine

Rischio ingorgo per il Recovery Fund

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
europa-recovery fund
fonte immagine: profilo Instagram Ursula von der Layden)

Le attese per i vaccini che stanno facendo preoccupare i Paesi dell’Unione Europea potrebbero non essere le uniche. I fondi del Recovery Fund – già Next Generation EU – potrebbero infatti avere dei ritardi, causati da un problema di distribuzione delle cifre da parte dell’Unione Europea.

Infatti, il piano firmato a luglio 2020 sanciva che l’Europa avrebbe preso in prestito dai mercati finanziari un totale di 750 miliardi di euro – poi aumentati a 800 – da ridistribuire ai 27 Paesi dell’Unione che ne faranno richiesta. Da aprile, ogni Stato può presentare un piano di ripresa economica che, dopo uno studio, se accettato dalla commissione dell’Unione Europea, garantirà al Paese, tramite step, di accedere a una parte dei 750 miliardi – che si impegnerà a restituire entro il 2058. Gli 800 miliardi verranno distribuiti durante un arco temporale lungo fino al 2026 con una certa cadenza: all’inizio, dopo la consegna del piano nazionale di ripresa, passano due mesi per il primo prefinanziamento – quindi, il primo arriverebbe a luglio.

Come riporta Europa Today, qui è il problema. L’UE non si aspetta che tutti i Paesi facciano immediata richiesta per il Recovery – sia perché non tutti ne vorrebbero usufruire, sia perché non tutti hanno un piano finanziario già pronto (sono dieci attualmente i Paesi che non lo hanno presentato);  ma se dovesse esserci un sovraffollamento – un ingorgo – allora il massimo organo continentale potrebbe avere dei problemi nella gestione dei flussi di denaro. Questo perché, ogni mese, l’Unione Europea può garantire uscite ai Paesi per un massimo di 20 miliardi.

Dei 750 miliardi di euro a disposizione, all’Italia sarebbero destinati 191 e nella prima tranche, ne dovrebbero arrivare proprio 20.

Mario Draghi, al momento del suo insediamento, ha redatto una squadra di ministri per la modifica e il completamento del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) per accedere ai fondi. Un piano già scritto dal precedente Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che però non era stato ritenuto valido dai commissari dell’Unione Europea.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.