Jesi a Spreco Zero protagonista all'Expo di Milano | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi a Spreco Zero protagonista all'Expo di Milano

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Jesi diventa protagonista all’Expo di Milano con il suo progetto Spreco Zero Alimentare, già premiato come migliore esperienza nazionale ed ora preso a modello per sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale su come possano marciare di pari passo solidarietà e sostenibilità.

L’occasione la fornisce l’incontro di domani (venerdì 26) sul tema “Uniti contro lo spreco” promosso al Coop Forum Center a partire dalle ore 15.30. Il sindaco Massimo Bacci illustrerà l’iniziativa jesina, in una sorta di apripista per articolare la discussione su come da esperienze locali si possano attivare percorsi virtuosi replicabili nei vari territori. Con il sindaco ci sarà anche Giovanni Fileni, presidente dell’omonimo Gruppo, partner del progetto “Il Tavolo della Solidarietà” con cui Jesi ha battezzato il proprio progetto Spreco Zero Alimentare, che illustrerà le iniziative dell’azienda per ridurre gli sprechi.

Sul palco Matteo Guidi, responsabile operativo dell’associazione Last Minute Market che, collegandosi a quanto sarà esposto da Bacci in relazione al premio nazionale che la stessa associazione ha attribuito lo scorso novembre al progetto jesino, allargherà il discorso sulle nuove attività che si stanno sviluppando su queste tematiche. Interverranno al dibattito anche Carmela Favarulo, del settore politiche sociali di Coop, Cristina Gabetti redattrice per Striscia la Notizia  della rubrica Occhio allo Spreco e Walter Ganapini, direttore generale dell’agenzia per l’ambiente dell’Umbria.

“Il Tavolo della Solidarietà” è un progetto nato su impulso dell’Amministrazione comunale, coordinato dal consigliere delegato Andrea Torri, che mette in rete associazioni di volontariato, mense, supermercati ed aziende agroalimentari con l’obiettivo di raccogliere pasti e prodotti da destinare alle famiglie in difficoltà.  Vede protagoniste le associazioni Adra, Amicizia a Domicilio, San Vincenzo de Paoli e Caritas diocesana, gli operatori delle mense Dussmann e Camst che forniscono i pasti caldi inutilizzati,  i supermercati Sì con Te, Coop e Ipersimply che mettono a disposizione i prodotti non più commercializzabili, le aziende Fileni, Baldi Carni, Cooperlat e Martellini che garantiscono cibi di prossima scadenza.

“Sono molto lieto di presentare questo progetto – ha sottolineato il sindaco Massimo Bacci – che evidenzia la rete di solidarietà che si è creata nella nostra città. Essere presi a modello su un tema di grande attualità ci rende orgogliosi ed è un vanto che va condiviso insieme a tutti i soggetti che mettono a disposizione il proprio tempo o le proprie risorse per aiutare gli altri”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.