«Jesi, piste ciclabili: chiarezza sulle scelte tecniche adottate per la realizzazione» | Password Magazine

«Jesi, piste ciclabili: chiarezza sulle scelte tecniche adottate per la realizzazione»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di archivio.

JESI – Piste ciclabili, maggior chiarezza sulle scelte tecniche adottate per la loro realizzazione. A richiederla sono i consiglieri comunali Samuele Animali e Agnese Santarelli del gruppo all’opposizione Jesi in Comune – Laboratorio Sinistra, tramite un’interpellanza da discutere nella prossima seduta. «Sono stati recentemente realizzati nuovi tratti di pista ciclabile rispettivamente nella zona di via Martin Luther King e lungo l’asse sud – si legge nel documento -. Nel presentare l’iniziativa è stata sottolineata soprattutto la colorazione della pista (verde anziché azzurro), senza soffermarsi su altri dettagli tecnici; già in passato alcuni tratti di pista si sono dimostrati poco funzionali perché troppo stretti, per l’eccessiva promiscuità con i pedoni, per la presenza di tombini ed avvallamenti, per carente manutenzione, perché abitualmente utilizzati in maniera impropria da pedoni o passeggini o per parcheggiare gli automezzi».

Inoltre: «Sia nelle piste esistenti che in quelle nuove sono pochi i tratti realizzati “su sede propria”, mentre per la maggior parte si circola su “corsia riservata”, cioè non protetta o separata fisicamente dal traffico ordinario».

Se dunque da un lato «la promozione dell’uso della bicicletta rappresenta un obiettivo largamente condivisibile per i molti vantaggi che comporta» e «istituire una pista ciclabile su corsia riservata è più facile, veloce ed economico che realizzare una pista ciclabile in sede propria», dall’altro, afferma Jesi in Comune, è pur vero che «alcuni tratti sono particolarmente stretti, sono caratterizzati dalla presenza di tombini, si interrompono bruscamente in corrispondenza di incroci pericolosi o rotatorie o sono affiancati da parcheggi; le ciclabili su corsia riservata sono consigliate solo per situazioni di bassa intensità di traffico e di bassa velocità (30 km/h o meno), presentando altrimenti aspetti di pericolosità; il rischio è maggiore quando le piste ciclabili su corsia riservata sono strette (1,5 m o meno o a doppio senso di marcia) o vi è la presenza di tombini, in quanto è alta la probabilità che una manovra del ciclista per evitare un ostacolo provochi una collisione, mentre una larghezza compresa tra 2 e 2,5 m aumenta la comodità e la sicurezza» e che «il pericolo può essere in parte scongiurato dalla presenza di un’area tampone di sicurezza, con
segnaletica tra la pista ciclabile su corsia riservata e le corsie automobilistiche».

Per questo, Jesi in Comune – Laboratorio Sinistra chiede «di conoscere i motivi ed i criteri in base ai quali sono state adottate le scelte tecniche sopra richiamate e se si intenda apportare dei correttivi».

1 Commento su «Jesi, piste ciclabili: chiarezza sulle scelte tecniche adottate per la realizzazione»

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.