La Boldrini accoglie la Giunta Comunale di Jesi a Montecitorio

ROMA – È durato oltre un’ora l’incontro tra la presidente della Camera Laura Boldrini e la Giunta comunale di Jesi, tenutosi questo pomeriggio a Montecitorio. Un incontro estremamente cordiale, a testimonianza dell’affetto che la Boldrini manifesta per la città in cui ha frequentato gli studi e si è formata prima di intraprendere il percorso di vita che l’ha portata ad essere oggi la terza carica dello Stato. La presidente della Camera ha illustrato l’attività che viene svolta a Montecitorio e in particolare il ruolo di chi è chiamato a presiedere l’assemblea parlamentare.

Il sindaco Massimo Bacci ha avuto modo, da parte sua, di ringraziarla per l’opportunità riservata, ritenendo questa visita a Roma un atto dovuto. “Senza entrare minimamente in alcun discorso politico che non era né poteva essere in agenda – ha aggiunto il sindaco – ho voluto trasmettere alla Boldrini i sensi di affetto e vicinanza per il delicato compito a cui è stata chiamata, ben consapevole che dal punto di vista umano il suo ruolo comporta inevitabilmente onori, ma anche pesanti oneri. Per Jesi è certamente motivo di orgoglio che una sua concittadina guidi oggi la Camera dei deputati. È una ulteriore ed efficace dimostrazione di come una comunità di provincia riesca ad avere una organizzazione scolastica, formativa e sociale di altissimo livello che permette alle menti più brillanti di fare strada. Ho apprezzato l’interesse che la Boldrini ha mostrato per la sua Jesi, ascoltando con attenzione ciò che l’Amministrazione comunale sta mettendo in campo su numerose tematiche, con particolare riferimento alla tutela dei più deboli, incoraggiandoci nel percorso che stiamo compiendo”.

La Boldrini, accogliendo la richiesta di Bacci, ha assicurato che, in occasione di una nuova visita ufficiale nelle Marche, avrà modo di tornare a Jesi, ricordando con grande emozione l’appuntamento dello scorso novembre a teatro Pergolesi con gli alunni della media “Lorenzini” che hanno sviluppato un’attività didattica su integrazione e coesione sociale legata al suo libro “Solo le montagne non si incontrano mai”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*