La denuncia di A.Ma.R. Marche: "La Remautologia,fanalino di coda nel Piano sanitario regionale" | Password Magazine
Festival Pergolesi

La denuncia di A.Ma.R. Marche: "La Remautologia,fanalino di coda nel Piano sanitario regionale"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L‘Associazione Marchigiana dei malati reumatici (A.Ma.R. Marche) vuole denunciare la drammatica situazione dell’assistenza specialistica nella nostra Regione, destinata solo a peggiorare nei prossimi mesi.

La Reumatologia è il fanalino di coda nel Piano sanitario regionale. A tutt’oggi nelle Marche vi è un unico polo di riferimento per la diagnosi e la cura delle malattie reumatiche, la Clinica Reumatologica dell’Università Politecnica delle Marche, a cui affluiscono pazienti da tutte le zone territoriali marchigiane, ma anche da Regioni limitrofe e non.

Non esiste, né si prevede la possibilità che venga creata, una “rete” territoriale assistenziale di primo livello, intesa come specialistica ambulatoriale, al pari di quanto c’è sempre stato per altre branche.

Vogliamo ricordare che le malattie reumatiche non coinvolgono solo l’apparato muscolo-scheletrico, ma comprendono molte forme con manifestazioni cliniche diversificate ed interessamento sistemico o multi-organo, e sono gravate da una disabilità crescente.

Possono colpire non solo gli anziani, ma anche soggetti giovani in età produttiva dal punto di vista lavorativo, con enormi costi sociali, diretti ed indiretti. La diagnosi precoce, l’attuazione di una strategia terapeutica adeguata, come solo un centro di eccellenza può fornire, la gestione di un percorso assistenziale che prevede anche la figura dell’infermiere con competenze specialistiche, rappresentano le armi vincenti per contenere un problema di enorme rilevanza sanitaria e sociale.

In un momento in cui il Sistema-Sanità nella nostra Regione è entrato in crisi su diversi fronti, e si sta registrando una carenza generale di personale in ambito sanitario, un ennesimo “colpo duro” viene inferto ai malati reumatici. Negli ultimi mesi è venuto a diminuire numericamente il personale sanitario (infermieristico e medico) in servizio “attivo” presso la Clinica Reumatologica (pensionamento non rimpiazzato, maternità non sostituita, contratti a tempo determinato non rinnovati).

Da un lato le liste di attesa, sia per le prestazioni ambulatoriali che per i ricoveri programmati, si stanno allungando in modo inaccettabile (se un utente dovesse chiamare oggi il Centro unico di prenotazione, si vedrebbe proporre un appuntamento per “vista reumatologica di controllo” a giugno 2014; più fortunato chi chiede una prima vista: l’appuntamento verrebbe fissato per gennaio 2014)

Dall’altro il personale, che si trova costretto a saltare turni di riposo, ad accantonare ore in eccesso non retribuite o giorni di ferie che potranno essere recuperati chissà quando.

L’insufficienza numerica del personale e i carichi di lavoro crescenti, non permettono garantire il mantenimento degli standard di qualità delle prestazioni assistenziali, in linea con quelli di riferimento nazionali ed europei.

In occasione di un recente colloquio con il Direttore del Governo Clinico Dott. Martini e con il Direttore medico del Presidio Ospedaliero “Carlo Urbani” Dott. Fedele, è emerso che in questo contesto di “crisi”, potrebbe essere messo in discussione il mantenimento dell’autonomia dell’attività di degenza della Clinica Reumatologica, che rischierebbe l’accorpamento con altre Unità Operative.

Per non parlare del problema degli spazi destinati alla Clinica nella definitiva sistemazione dell’Ospedale Carlo Urbani (ridotti rispetto a quelli attuali).

L’Associazione dei Malati reumatici si fa portavoce di questa pesante situazione e chiede di poter partecipare alla pianificazione dell’assistenza anche nelle Marche, collaborando con le Autorità sanitarie e di Governo, così come di fatto avviene in altre Regioni (Toscana, Emilia Romagna, Lombardia, … ).

Comunicato da: Associazione dei Malati reumatici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.