La discarica della discordia, il caso della modifica dello statuto Sogenus | | Password Magazine
Festival Pergolesi

La discarica della discordia, il caso della modifica dello statuto Sogenus

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce



MAIOLATI SPONTINI – Botta e risposta tra l’Amministrazione comunale di Maiolati Spontini e il gruppo locale del Movimento 5 Stelle: l’oggetto del contendere è sempre la discarica Cornacchia di Moie e il progetto di completamento dell’ampliamento. I pentestellati stavolta puntano il dito contro lo Statuto della Sogenus, la partecipata che gestisce l’impianto, modificato nel 2010: “Tale modifica è passata quasi del tutto inosservata ai non addetti ai lavori ma soprattutto ai cittadini  – scrivono in  una nota stampa –  E’  stato letteralmente stravolto l’art. 3, l’oggetto sociale da perseguire da parte della Spa”.

Infatti, dal 13.01.2010, per statuto (art. 3), Sogenus Spa “ha per oggetto l’esercizio di servizi e di attività afferenti lo smaltimento dei rifiuti speciali non assimilati (ai rifiuti urbani ndr) …(omissis) … Per il perseguimento dell’oggetto sociale la società potrà: a) esercitare gli impianti ed effettuare i servizi di trattamento, di recupero e di smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi, … (omissis) … In via transitoria, fino ai provvedimenti di affidamento delle Autorità competenti (Assemblea Territoriale d’Ambito – ATO 2 Ancona ndr), la società prosegue la gestione di impianti e servizi di trattamento, recupero e smaltimento dei rifiuti solidi urbani e rifiuti speciali assimilabili e/o assimilati agli urbani. … (omissis) …”

Una modifica che –  puntualizzano i 5 Stelle – estenderebbe i servizi della Sogenus alle industrie del territorio, a quelle ubicate fuori regione, oltre che ai grandi produttori di rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi. Un nuovo indirizzo aziendale, dunque, che è lontano dalle finalità di servizio pubblico con cui l’impianto era nato, ossia quello di eseguire la raccolta, il trasporto e lo smaltimento degli RSU  e dei rifiuti differenziati a favore dei Comuni del territorio.

“La Giunta Domizioli, due mesi dopo, nel mese di agosto presenta quel famigerato progetto di mega ampliamento della discarica che, di metri cubi di rifiuti speciali pericolosi, ne prevede circa 213.000! Altro che riciclo, raccolta differenziata, ambiente e salute – continuano i grillini di Maiolati – Qui si tratta di soldi, mica noccioline, considerato che il Comune di Maiolati si prende quasi il 50% del fatturato Sogenus! 213.000 mc di amianto o altri rifiuti pericolosi che arriveranno a Moie da tutte le parti del centro Italia, per poi essere smaltiti. I cittadini lo sanno? L’indirizzo preso dalla Sogenus punta tutto sull’aspetto economico di breve durata legato allo sfruttamento dell’interramento in discarica dei rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi delle industrie e non si preoccupa minimamente di una possibile riconversione dell’impianto a favore di una economia circolare incentrata sulla raccolta differenziata spinta e sul riciclo ai massimi livelli, che creerebbero anche ulteriore occupazione. La Sogenus ha abbandonato del tutto la mission originaria della società a servizio dei Comuni (e dei cittadini) del territorio (house providing). Il Comune di Maiolati ha, invece, completamente assunto la veste di ente imprenditore tutto proteso ad accumulare denaro per costruire opere faraoniche di cui il territorio non ha ormai più bisogno”.

SECONDO IL COMUNE DI MAIOLATI SI TRATTÓ DI UN PASSAGGIO OBBLIGATO

Di contro, l’Amministrazione comunale di Maiolati risponde parlando di “strumentalizzazione, polemica inutile e basata sulla manipolazione di atti estrapolati dal contesto. Insomma bufale vere e proprie. Uno spettacolo della politica che certamente andrebbe risparmiato ai cittadini della Vallesina”.

Sull’adeguamento dello statuto, avvenuto sei anni, il Comune spiega che si trattò di “un passaggio obbligato avvenuto in coincidenza della trasformazione della società da mista pubblico-privata ad intero capitale pubblico in “house providing”, all’indomani del quale l’attività di smaltimento dei rifiuti non ha subito alcun cambiamento:  rifiuti smaltiti, nel rispetto delle novità legislative ed autorizzative, sono rimasti sempre gli stessi. Nessuna modifica all’attività di smaltimento dei rifiuti speciali, se non il fatto che si è ridotta significativamente in coincidenza con la crisi economica. Anche i rifiuti urbani si sono ridotti del 50% a partire dalla gestione da parte della Sogenus della raccolta differenziata”.

Secondo le dichiarazioni dell’Amministrazione comunale, l’oggetto sociale sarebbe stato inoltre definito e circoscritto meglio rispetto al passato ed utilizzata la corretta terminologia introdotta con le nuove norme per quanto riguarda la tipologia dei rifiuti smaltiti, ai grandi produttori di rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi. E aggiunge: “Per quanto riguarda la modifica dello statuto sociale di Sogenus, questa è avvenuta al termine di un percorso tenacemente voluto da Maiolati Spontini che ha portato la Sogenus ad essere un’azienda a totale capitale pubblico con tutti i Comuni del territorio soci e presenti in assemblea, nel segno della totale trasparenza”. Nessuna novità, dunque: “Tutto come sempre da più di venti anni e nessun inconveniente o problema si è mai verificato. La Sogenus non ha mai cambiato nulla del suo lavoro”.

Perplessità, inoltre, sulle “opere faraoniche” rimproverate dal M5S.  “Quali sarebbero? – si chiede la Giunta domizioli – La biblioteca che ha recuperato un rudere in completo abbandono? Le scuole a norma sismica per la sicurezza dei nostri ragazzi, oppure gli impianti sportivi adeguati e messi a norma (piscina, palazzetto e campo sintetito Grande Torino)? Abbiate il coraggio di dire concretamente cosa non condividete, indicando cosa avreste fatto e cosa vorreste fare. Senza ogni volta insinuare chissà quali malefatte sono state commesse. Questo si chiamerebbe “costruire”.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.