Banner Aprile IH Victoria

La Farmacia Moje è il nuovo mecenate della biblioteca La Fornace

MOIE – La Farmacia Moje, di Giovanni Amadio, Arianna Giovagnoli e Giuseppe Silvestrini, ha risposto all’appello dell’Amministrazione comunale, lanciato nel corso del convegno Impresa & Cultura: un binomio capace di innovare e valorizzare il territorio. L’Art Bonus come attivatore di lavoro in rete, tenutosi lo scorso 27 settembre nel centro culturale “eFFeMMe23”, ed è diventata il nuovo mecenate alla biblioteca di Moie. Finanzierà l’acquisto di dvd, da mettere a disposizione degli utenti de La Fornace, grazie appunto all’Art Bonus, lo strumento che finanzia la cultura attraverso un credito di imposta a chi fa donazioni liberali a favore del patrimonio culturale. 

E intanto il Comune lancia due nuovi interventi, sempre a favore della biblioteca, da realizzare in Art bonus: un programma di attività con i bambini da organizzare di domenica in biblioteca, con giochi, laboratori e letture, per imparare divertendosi, e l’acquisto di ultime novità editoriali e riviste, per essere sempre più attrattivi e al passo coi tempi. 

“L’Art bonus rappresenta un’occasione – ribadisce l’assessore alla Cultura Deborah Carè – per sostenere un progetto importante per i cittadini della Vallesina come la biblioteca La Fornace: una realtà che ha cambiato la vita e le abitudini di migliaia di residenti del territorio. Ringraziamo la Farmacia Moje per aver aderito all’Art bonus e auspichiamo che il suo esempio venga seguito. Sostenere la biblioteca significa far sì che una struttura così importante, non solo per la sua funzione culturale ma anche sociale e aggregativa, continui a crescere ed incrementare i suoi servizi, come alcune aperture domenicali che abbiamo inaugurato lo scorso ottobre e che ci auguriamo potremo continuare a garantire anche grazie all’Art bonus”. 

Durante la tavola rotonda, che ha visto la presenza di professionisti ed esperti di grande spessore ed esperienza, è stato evidenziato come “investire in cultura può contribuire allo sviluppo economico del territorio – ha spiegato l’assessore Carè – ma per questo serve fare rete, tra pubblico e privato, progettare insieme iniziative di senso e creare contenuti che si colleghino alle identità dei territori stessi”.

Il convegno ha rappresentato solo la prima tappa di un percorso che ha avuto già un riscontro concreto, con l’adesione appunto della Farmacia e il finanziamento di un nuovo progetto grazie all’Art bonus. Un percorso che vede l’Amministrazione impegnata anche a dare supporto tecnico ai privati, aziende o imprenditori, che aderiscano allo strumento del credito d’imposta, per consentire loro di accedere in maniera semplice e veloce ai notevoli vantaggi fiscali che l’Art bonus prevede. 

Hanno già aderito, nel corso degli anni, all’Art bonus diventando mecenati della biblioteca il Lions club di Jesi, la bottega artigiana di Virgilio e Patrizia Contadini, la cooperativa sociale Tadamon e la “Società Cooperativa Culture”. 

L’appello dell’Amministrazione è quello di sostenere il più possibile l’offerta della biblioteca, una risorsa culturale fondamentale del territorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.