La Fornace, folto pubblico per la rassegna "Scrittori leggono scrittori". | | Password Magazine
Festival Pergolesi

La Fornace, folto pubblico per la rassegna “Scrittori leggono scrittori”.

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Un pubblico talmente numeroso da gremire l’auditorium della biblioteca La Fornace di Moie ha salutato, ieri (giovedì 29 gennaio), il primo appuntamento della rassegna 2015 “Scrittori leggono scrittori”, organizzata dal Comune e curata dagli intellettuali marchigiani Francesco Scarabicchi e Massimo Raffaeli. Grande richiamo, infatti, ha suscitato il tema dell’incontro, il Dante politico, presentato dal pittore e saggista Stefano Levi della Torre. Molto apprezzate anche le letture dell’attore Giorgio Sebastianelli. Prossimo appuntamento il 5 febbraio, alle 18, con il giovane giornalista e scrittore Alessandro Leogrande che leggerà Carlo Levi, attraverso il suo capolavoro “Cristo si è fermato a Eboli”. I libri civili, come gli Scritti corsari di Pasolini o le Lettere dal carcere di Gramsci, sono al centro della settima edizione della rassegna, fra le più seguite della biblioteca. Un excursus, quello proposto quest’anno da Raffaeli e Scarabicchi, che attraversa i decenni italiani dalla seconda metà degli anni Venti fino alla fine degli anni Novanta del Novecento, nel complesso e drammatico divenire dei fatti e degli eventi.

A portare il proprio saluto all’appuntamento di esordio è stato il sindaco Umberto Domizioli. “La rassegna – ha detto il primo cittadino – rappresenta una manifestazione di alto spessore e fra le più amate dal pubblico, come conferma la risposta della gente a questo primo incontro. È per questo che siamo soddisfatti di essere riusciti, nonostante i tagli che ci vengono imposti in ogni settore, tagli dell’ordine, per il nostro Comune, di ben 250 mila euro, a mantenere questa iniziativa”.

La rassegna proseguirà ogni giovedì, fino al 5 marzo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.