Lo Sport abbatte le barriere e fa bene all'anima: la storia di Francesca

JESI – Praticare sport fa bene all’anima.  Allenamento dopo allenamento, si potenziano i muscoli del buon umore, aumenta la potenza del sorriso, si perdono chili di stress: a prevalere, sono solo le sensazioni di leggerezza e benessere. È quanto insegna la storia di Francesca Kosinska, la plurimedagliata jesina vincitrice del 39° campionato assoluto di nuoto Finp (federazione nuoto italiano paralimpico) svoltosi a Bergamo da l’1 al 3 luglio. A lei è andata una medaglia d’argento nei 50 metri stile libero e due medaglie d’oro, una nei 100 stile libero l’altra nei 200.

Francesca scopre la sua passione per il nuoto 15 anni fa. Lei ricorda persino il giorno. Il 13 marzo. L’incontro con l’acqua è per lei un appuntamento con la felicità. Con la vita. “Inizialmente non ero convinta di intraprendere uno sport – racconta Francesca –  Pensavo di non avere le abilità motorie per praticare il nuoto. Ero scoraggiata, tutto mi sembrava difficile”. Eppure, a volte basta un sì che la vita cambia direzione. “Decisi di provare comunque. E da allora scopri che si poteva nascere  una seconda volta”. Abituata a uscire poco e a frequentare un ristretto numero di persone, Francesca scopre l’amicizia, la complicità con i compagni di allenamento, la stima e il rispetto per i propri istruttori: “Iniziai proprio nella piscina comunale di Jesi: mi trovai subito bene con tutti. C’era un bel clima”. Ben presto, lo sport diventa per Francesca non solo occasione per socializzare con altri coetanei ma anche un momento dove misurarsi con se stessa. Ed inizia così a vivere il nuoto come qualcosa di più di un semplice sport: diventa piuttosto un momento solo suo, non legato alla famiglia. Uno spazio dove conoscersi, conquistarsi, risultato dopo risultato, iniziando a costruire da sola la fiducia nelle proprie capacità e prendendo autonomamente le sue decisioni. “Prima di intraprendere l’attività sportiva, non uscivo neanche per farmi una pizza. Adesso sono io a scegliere come trascorrere il mio tempo libero”.Vicino a Francesca c’è Mimma, titolare del ristorante e pizzeria Orchidea di Jesi. Mimma si assicura che Francesca possa proseguire nelle competizioni agonistiche, aiutandola nel sostenere i costi delle trasferte: è il suo main sponsor ma, soprattutto, è un’amica. “Grazie alla sua vicinanza, sono riuscita a superare con grinta e determinazione le sfide più importanti – racconta Francesca –  Sto crescendo ora verso nuovi obiettivi. Aver vinto queste tre medaglie per me è come aver vinto i mondiali o gli europei. Ciascuna medaglia è per metà mia e per metà di chi ha avuto sempre fiducia in me”.

Attualmente Francesca si allena circa 2 ore per 3 volte alla settimana, sempre nell’impianto comunale – da qualche anno gestito dalla Team Marche Cis – insieme ad altri venti ragazzi con disabilità intellettive e tre con disabilità motorie: “Siamo una grande squadra che ha fatto grandi passi avanti. Sto bene, trovo che sia un ambiente sano sia per crescere sia a livello sportivo che sociale.  Ogni allenatore sa darmi qualcosa in più, anche a livello psicologico. Si crea feeling, intesa”. E nel ringraziare Mimma e i suoi allenatori –  Manuel Orlandini, Martina Rossetti, Sara Troiani, Diego Gabrielloni, Danka Santoni e Claudio Belardinelli – Francesca ci saluta raccontandoci del suo grande sogno: continuare ad ottenere risultati per poter partecipare ai campionati europei.

Intanfine ci dà appuntamento domani al Dream Day, ai giardini pubblici, dove sarà presente su invito dell’organizzatrice Selena Abatelli: qui raccontarà la sua storia, darà il suo messaggio di vita. (Chiara Cascio)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*