Mario Barchiesi, il cordoglio della Biblioteca Planettiana | Password Magazine

Mario Barchiesi, il cordoglio della Biblioteca Planettiana

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La biblioteca planettiana si unisce al cordoglio della famiglia e del Circolo Fotografico “Massimo Ferretti” per la prematura scomparsa di Mario Barchiesi. Mario era una persona solare, ottimista, cortese, di grande disponibilità, sempre pronta a collaborare in qualunque occasione. Grazie alla sua grande passione per la fotografia, nel corso della sua collaborazione più che decennale con la Biblioteca si è occupato, a titolo totalmente volontario, della riproduzione fotografica di tutto il materiale grafico e fotografico qui conservato e del suo riversamento su cd, per un totale di migliaia di scatti. Il suo lavoro permette oggi agli studiosi di consultare questi materiali a computer, senza dover spostare e mettere a rischio pezzi fragili e preziosi.

In particolare, si è occupato di sviluppare, stampare e digitalizzare la collezione di vetrini del fondo fotografico Schiavoni; si è poi dedicato, negli anni, a riprodurre le foto già stampate dello stesso fondo Schiavoni, ma anche quelle appartenenti al fondo fotografico dell’archivio Colocci ed a vari altri album fotografici (tra i quali l’album Paolassini e l’album sui gitani di Adriano Colocci).

Inoltre, ha fotografato, pezzo per pezzo, le preziose collezioni delle stampe e dei disegni Honorati, dei disegni Pianetti, dei disegni dell’Archivio storico comunale, del fondo di cartografia storica delle Marche, nonché vari manoscritti, tra cui il Rocchi (che contiene le genealogie delle famiglie nobili di Jesi).

 «Si è anche messo a disposizione del nostro istituto culturale per collaborare alla realizzazione di alcune mostre e stava collaborando anche per un’esposizione che avrebbe dovuto tenersi a marzo, e che poi era stata rimandata a dicembre, di riproduzioni di alcune stampe della collezione Honorati – fa sapere la Biblioteca comunale – All’inizio di ottobre è venuto in biblioteca, con il suo consueto entusiasmo, per proporci un’altra mostra sul tema dell’amore, da realizzare a febbraio attingendo dalle collezioni antiche della Planettiana. 

Uno spirito, come il suo, non si incontra tutti i giorni; ci mancherà Mario e gli auguriamo buon viaggio» .

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.