Moie, addio a Don Aldo Anderlucci - Password Magazine

Festival Pergolesi

Moie, addio a Don Aldo Anderlucci

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – La comunità parrochiale di Maiolati Spontini dà l’addio a Don Aldo Anderlucci scomparso ieri sera 21 novembre, giorno in cui la Chiesa ricorda la presentazione della beata Vergine Maria, all’età di 88 anni.

La celebrazione del funerale sarà a Moie.

Parroco a Moie dal 1970 al 1996 e poi sempre presente nella nostra comunità per continuare a vivere il servizio sacerdotale con amore e fedeltà e a testimoniare il suo amore alla Chiesa e all’umanità.

Don Aldo, nato a Maiolati il 19 aprile del 1934 da Giovanni e Maria Marzioni, in una famiglia numerosa di mezzadri nella campagna attorno alla chiesetta di San Sisto, ha frequentato le prime tre classi elementari a Scisciano, la quarta, la quinta e le scuole medie a Maiolati ed è entrato da adolescente nel seminario diocesano di palazzo Ripanti a Jesi per gli studi al ginnasio. Gli anni del liceo e i quattro anni della teologia li ha trascorsi nel seminario regionale di Fano. Intanto i suoi genitori con le sorelle Vera e Rina si erano trasferiti a Monte Roberto.

È stato ordinato sacerdote dal vescovo mons. Giovanni Battista Pardini, il 25 agosto del 1957 nella chiesa parrocchiale Santo Stefano di Maiolati Spontini, dove era stato battezzato. Per cinque anni è stato il viceparroco di don Gino Paoletti a San Francesco di Paola a Jesi e celebrava spesso nella piccola e antica chiesa di Santa Caterina alle Valche. È stato nominato poi parroco di San Lorenzo a Mazzangrugno dove è rimasto per sei anni, ha trascorso alcuni anni al Divino Amore prima di essere destinato a Moie, la parrocchia in espansione che comprendeva anche Stazione di Castelbellino che non aveva ancora una chiesa. Venticinque intensi anni che lo hanno visto impegnato nel completamento della nuova chiesa Cristo Redentore e nel seguire le attività pastorali come la scuola materna parrocchiale, l’oratorio, la catechesi per i bambini e gli adulti, promuovere le missioni popolari, accompagnare le associazioni e la piccola comunità di Monte Schiavo nei giorni festivi… A Stazione si è attivato per la realizzazione della chiesa coinvolgendo tanti uomini nella sistemazione del locale che prima era una fabbrica.

Nei primi anni era aiutato dai giovani sacerdoti don Luigi Carrescia e don Fabio Belelli poi chiamava in parrocchia dei sacerdoti stranieri, studenti a Roma, che in estate o nei fine settimana si mettevano a disposizione nelle diverse attività pastorali.

In occasione del 50° anniversario della sua ordinazione sacerdotale aveva ricevuto la Cittadinanza Benemerita del Comune di Maiolati Spontini, chiesta il 22 agosto del 2007 dal sindaco Giancarlo Carbini, dall’assessore Umberto Domizioli e dall’ex sindaco Sergio Cascia e concessa all’unanimità del consiglio comunale, “per la sua intensa, proficua e preziosa attività pastorale svolta per oltre venticinque anni come Parroco di Santa Maria delle Moie”.

Lasciata la parrocchia Santa Maria di Moie, dal 1996 al 2014 è stato cappellano dell’ospedale civile di Jesi e ha continuato a seguire la Pastorale della Salute diocesana, le associazioni Unitalsi e Cursillos di Cristianità, a incontrare frequentemente gli ospiti della casa di cura Villa Jolanda di Scisciano. Tra il 2015 e il 2017 è stato a Moie come aiuto parroco di don Fabio nelle domeniche e il 3 settembre del 2017 aveva festeggiato il suo sessantesimo anniversario di ordinazione sacerdotale. Ha seguito don Fabio anche a Monsano e San Marcello, dal 2017 al 2020 poi il Covid ha messo fine anche a questa collaborazione.

Negli ultimi anni ha vissuto alla Casa Famiglia del Collegio Pergolesi di Jesi e la sua preghiera è stata ancora più incessante a motivo del maggior tempo a disposizione, soprattutto dall’inizio della pandemia.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.