Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne: le iniziative - Password Magazine

Festival Pergolesi

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne: le iniziative

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ricco e articolato il calendario in occasione del 25 novembre, Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, presentato dal Comune di Jesi e dalla Consulta per le Donne e per le Pari Opportunità, evento organizzato da Casa delle donne, Cgil, Udi e Spi. Una data legata al femminicidio delle sorelle Mirabal, tre donne della Repubblica Domenicana uccise nel 1960. «Un tema attuale, i dati Istat riportano notizie di una donna oggetto di violenza solo 72 ore fa – nota il sindaco Lorenzo Fiordelmondo, il quale ha trattenuto per sé la delega all’uguaglianza di genere. – Questa collaborazione tra enti e associazioni è un moto comune, una vera reazione civica e civile, in primis culturale, affinché possano diminuire il più possibile atti di violenza, a partire dal nostro territorio».

Il programma ha inizio il 24 novembre alle 17.00 con l’inaugurazione di “Una stanza tutta per sé”, spazio dedicato all’ascolto protetto delle donne vittime di violenza all’interno del Commissariato di Polizia, esito dell’azione elle soroptimiste jesine (Soroptimist International d’Italia, club Jesi).

Lorenzo Fiordelmondo

Il 25 novembre, giorno in cui la fontana di Piazza della Repubblica verrà illuminata di arancione, sarà proiettato presso la Chiesa di San Nicolò, a cura di Fidapa, il cortometraggio “Anche no!”, in replica il 26 (dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 21). «Per raccontare il dramma reale del femminicidio, sotto ogni prospettiva» annota Catiuscia Ceccarelli, presidente Fidapa BPW Italy sezione di Jesi, in collaborazione con il Rotary Club di Jesi e Guasco.

Fidapa

Momento importante per la città sarà l’inaugurazione della panchina rossa, ripristinata in seguito agli atti di vandalismo subìti, alle ore 16.30 in piazza Sansovino, a cura del Comune di Jesi e del Comitato Jesi Centro Storico. Alle 17:30, presso la Galleria di Palazzo dei Convegni, verrà inaugurata la mostra “La violenza sulle donne: frames interpretativi”, con 15 scatti della fotografa Stefania De Chirico e 15 quadri della pittrice Michela Fava. La mostra, gratuita, avrà luogo dal 25 al 27 novembre, (il 25 dalle 17 alle 20, mentre nei giorni del 26 e 27 dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20) e alcuni fotogrammi verranno inoltre proiettati sulla facciata di palazzo Bisaccioni. «Un evento senza parole, che ricorre al solo uso di immagini – sottolinea Laura Marinelli della Consulta Pari Opportunità del Comune di Jesi – perché a volte le parole sono troppe, troppo aggressive troppo urlate o troppo poche». A seguire Gastone Petrucci e Marco Gigli si esibiranno con il gruppo musicale “La Macina”, con storie in musica tratte dai racconti delle filandare jesine.

Selena Morici, Orietta Candelaresi (docente e pedagogista), Lucia Paolinelli e Chiara Carrozzo (Casa delle Donne di Jesi) saranno invece le protagoniste del convegno “La lingua batte…violenza, linguaggio e stereotipi”, alle ore 18 presso Palazzo dei Convegni.

IMG-20221122-WA0022

Il 26 novembre l’UDI Jesi (Unione Donne in Italia), alle 17:30, sempre a Palazzo dei Convegni, condurrà la tavola rotonda “(R) ESISTENTI – Storie dal mondo di donne che esistono e resistono”, testimonianze dirette di donne provenienti da Iran, Afghanistan e Africa. «Vogliamo riportare in auge le vicende delle donne che stanno combattendo in varie parti del mondo, come quelle afghane e curde – spiega Tiziana Mosca della Cgil – Le conquiste delle donne, rispetto a diritti e costruzione di pace, vanno oltre la nazionalità».

A cura del CNA Jesi sarà presentato il libro di Gianluca Goffi “Che importa essere donna. Indagine sulle donne che lavorano nelle Marche”, ore 18 presso la libreria Gira&Volta.  Alle 17, al teatro Il Piccolo, sarà la volta del concerto “La voix humaine” di Francis Poulenc, a cura di Marta Tacconi e con il soprano Federica Livi. Non mancano eventi correlati anche presso il Museo Stupor Mundi, venerdì 25 e sabato 26 dalle 17,30. Dal 25 novembre al 10 dicembre inoltre verrà portata avanti da Soroptimist Jesi la campagna Orange the world: utilizzando poster, banner, videoclip, con il supporto dei commercianti di Jesi, inviteranno ogni donna a riconoscere eventuali comportamenti tossici nei propri partner o familiari.

Durante le tre giornate del 25, 26 e 27 saranno poi attivati due info-point per la distribuzione di materiale informativo, a cura dell’Asp, in collaborazione con U.O.C. Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza, con il Consultorio familiare e lo sportello antiviolenza “Casa delle Donne” di Jesi: il 25 presso l’ospedale Carlo Urbani e il 27 a Palazzo dei Convegni, dove verrà anche messo in scena lo spettacolo teatrale “Lo specchio dei tempi”, dramma sulla violenza a cura dell’Associazione Casa delle Donne di Jesi e promosso dal Coordinamento Antiviolenza della provincia di Ancona “Le Fenici”.

Casa delle donne Jesi

«Casa delle Donne segue dalle 40 alle 50 donne l’anno –  riporta Michela Pucci, operatrice di Casa delle Donne di Jesi – fornendo aiuto psicologico e legale. Il femminicidio è la punta dell’iceberg, ma prima ci sono la violenza psicologica, economica, le umiliazioni. Per questo è importante operare anche culturalmente, con un discorso di sensibilizzazione e prevenzione contro gli stereotipi. Come stiamo facendo con circa 700 alunne e alunni del 2° anno della scuola secondaria di II grado, riscontrando grande entusiasmo. È una delle strade che dobbiamo continuare a percorrere».

A cura di Angela Anconetani Lioveri

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.