Monte Roberto e Castelbellino: bocciata la fusione | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Monte Roberto e Castelbellino: bocciata la fusione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Le parole di Massimo Costarelli, coordinatore di zona del Partito Democratico e assessore comunale di Castelbellino, a seguito della mozione presentata dal capogruppo di ‘Centrosinistra per Monte Roberto’ Settimio Coacci al Consiglio comunale di Monte Roberto, come primo passo verso la fusione.

“E’ finita come era chiaro che finisse, con una sonora bocciatura del consiglio comunale di Monte Roberto con il voto contrario anche del pd di Monte Roberto,10 contrari 3 a favore, cosa che capita quando le discussioni su argomenti seri si trasformano in barzellette. Si immagini che ad oggi in Comune di Castelbellino non è stato portato ancora niente quando a Monte Roberto già si è votato in consiglio comunale”.

E’ questo il duro commento dell’assessore comunale di Castelbellino e coordinatore di zona del Partito Democratico, Massimo Costarelli, che continua – “Coacci  dovrebbe dimettersi immediatamente da capogruppo di Centrosinistra per Monte Roberto avendo abusato del voto degli elettori del centrosinistra e del pd per imporre questioni politiche non condivise dal pd stesso; contrarietà motivata con temi storici, culturali, politici, identitari, sociologici, psicologici ed economici. Ed anche per aver insultato vergognosamente i Sindaci Papadopoulos e Togni in consiglio comunale, definendoli una “coppia di fatto” dopo averli definiti “casta nostrana”.

“Chi propone e chi difende certi modi di fare, si pone fuori dai democratici da solo; in questo momento i cittadini italiani così come quelli di Castelbellino e Monte Roberto e le relative amministrazioni hanno bisogno di unità e costruzione e non di odii ,contrarietà ed avventure”

Entrando nel merito delle questioni si ha l’impressione che ci sia molta approssimazione nella valutazione generale sulla fusione dei comuni ed in particolare in merito alla fusione tra i comuni di Castelbellino e Monte Roberto; i vantaggi susseguenti alla fusione infatti sono completamente infondati. Uno su tutti, clamoroso: se domani mattina, nel rispetto di tutte le leggi vigenti, Castelbellino e Monte Roberto si fondessero invece di rinnovare i propri consigli comunali, da dopodomani i cittadini del nuovo comune fuso dovrebbero pagare il 25% dei costi in più  per il mantenimento di Sindaco, Giunta e Consiglio del comune fuso rispetto alla somma dei costi di Castelbellino e Monte Roberto. Alla faccia della riduzione dei costi della politica. Per fortuna che il Pd ha dato dimostrazione di serietà ed autonomia decisionale.

Conclude Costarelli: “I nostri Comuni hanno bisogno di continuare quel percorso associativo  iniziato trenta anni fa con CIS, che è andato avanti in decine di processi associativi ed oggi continua con l’Azienda Servizi alla Persona con Jesi ed altri 20 comuni per la fornitura dei servizi sociali, modalità, queste, che ci hanno permesso sempre di programmare costi e gestioni all’insegna dell’efficienza e dello sviluppo sostenibile finanziario e locale. Non siamo disponibili a queste avventure improvvisate; in Svizzera si sono fusi cinquecento comuni piccoli e montani negli ultimi venti anni, oggi non si torna indietro ma si è preso atto che non sono state generate grandi economie di scala nè miglioramenti dei servizi. L’esistenza dei servizi è stata, invece, assicurata”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.