Mov 5 Stelle Maiolati: "La malafede, la fantasia, la realtà" | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Mov 5 Stelle Maiolati: “La malafede, la fantasia, la realtà”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI  – Continua il botta e risposta mediatico tra il Movimento 5 Stelle Maiolati e l’Amministrazione comunale di Maiolati Spontini.

Dopo  l’ultimo intervento del Comune , il Mov 5 Stelle replica:

“Di “insensato” c’è solo l’ostinazione della Giunta maiolatese (con l’eccezione dell’assessore Piergigli) che a tutti i costi, senza alcun rispetto per le norme, vorrebbe continuare ad interrare ad libitum i rifiuti speciali, compresi i pericolosi, di tutta la Regione ed oltre.

Non è vero che ci sono 2 Vallesine! La Vallesina è una, è quella che non vuole un’ulteriore ferita al proprio territorio ed è quella che ha detto “NO”, in tutte le assemblee pubbliche, alla vostra nuova mega discarica per le industrie e le aziende produttive.

Innanzitutto, una precisazione è d’obbligo: non è la vostra amministrazione che ha costruito le premesse per “un alto livello di servizi, qualità della vita e strutture a beneficio della comunità”, ma le amministrazioni che vi hanno preceduto e che vi hanno lasciato in eredità quasi tutto di quello che oggi beneficiano i cittadini.

Ora passiamo all’esame di tutte quelle domande fatte in “malafede” da qualcuno della Giunta maiolatese:

1) Di progetti alternativi all’interramento in discarica, ce ne sono a bizzeffe in tutt’Italia, per non parlare d’Europa. Sono tutti progetti basati su criteri di raccolta differenziata spinta (come organizzata in moltissimi Comuni dell’ATA stessa), trattamento e, soprattutto, riciclo, con la tariffazione puntuale. Il M5S in un’assemblea pubblica dello scorso anno ha portato la testimonianza del Consorzio Contarina. Contarina Spa è una società in house providing a completa partecipazione pubblica, proprio come Sogenus Spa. Si occupa della gestione dei rifiuti di 50 Comuni della provincia di Treviso, attraverso un sistema integrato che considera il rifiuto dalla produzione, alla raccolta, al trattamento e recupero, producendo un impatto positivo sia sulla natura che sulla vita dei cittadini. Contarina si trova da anni ai vertici europei in termini di raccolta differenziata e rappresenta un esempio di realtà pubblica all’avanguardia nei servizi e nei risultati, che opera con l’obiettivo della tutela dell’ambiente.

2) L’ATA non è un’organizzazione di “extraterrestri”, è un’assemblea composta dai sindaci della Provincia, dove si portano e si discutono progetti e soluzioni. Per di più, l’attuale vicesindaco Carbini è stato molto tempo all’interno della “cabina di regia” che doveva decidere soluzioni adeguate per il ciclo integrato dei rifiuti. Ora, dovrebbe stare nel “gruppo ristretto” che propone progetti all’assemblea, per cui, invece di polemizzare a vanvera con il M5S, si dia da fare dentro l’ATA per ritagliare un nuovo ruolo di Sogenus nel sistema di smaltimento dei rifiuti basato sul trattamento e recupero dei rifiuti, previa differenziazione spinta, in relazione anche al gestore unico d’ambito.

3) Quando, poi, vuole usare l’ATA come scaricabarile (“la gestione del ciclo dei rifiuti è compito dell’ATA e non più del singolo Comune”), la Giunta maiolatese propina ai cittadini una grossa fandonia: la nuova discarica che Maiolati e Sogenus volevano realizzare e che la Provincia non ha permesso non sarebbe rientrata nelle competenze dell’ATA, perché l’ATA si occupa solo degli RSU e non dei Rifiuti Speciali, che esulano dalla programmazione del Piano d’Ambito. Perciò, perché Maiolati dice volutamente queste bugie?

4) Inoltre, se Sogenus Spa è una società “a totale capitale pubblico, partecipata dagli enti locali proprietari, che può lavorare solo per i soci e svolgere i servizi che gli sono affidati direttamente”, perché Maiolati e la stessa Sogenus volevano realizzare la famigerata mega discarica per i soli rifiuti di aziende ed industrie private, che nulla hanno a che vedere con il servizio pubblico di smaltimento dei rifiuti? L’“house providing” non è sui dividendi, ma sull’attività che deve essere fatta a servizio dei Comuni soci!!

5) Perché i solerti amministratori maiolatesi, anziché fare, loro sì, terrorismo psicologico con annunci catastrofici di perdite di lavoro dei 39 dipendenti Sogenus, non si danno da fare (invece fanno passare il tempo preoccupandosi solo di sterili polemiche con il M5S!), per prevedere accordi, sin da ora, con Multiservizi Spa (probabilmente il gestore unico), con la società che gestisce e gestirà la discarica di Corinaldo (la nuova discarica prevista dal PRGR) e con l’ATA stessa, per la ricollocazione di detto personale sia all’interno di queste strutture, sia nel progetto di riconversione di Sogenus, come anzidetto? Perché il lavoro che oggi fanno i privati non dovrebbe essere portato avanti da Sogenus, su scala ancor più ampia, con un impianto di recupero e riciclo avanzato per la separazione delle materie prime di qualità?

6) Il lavoro, i servizi sociali, i servizi agli anziani, i servizi educativi, culturali e sportivi, il sostegno all’associazionismo e gli investimenti per il futuro dei nostri figli non sono appannaggio esclusivo della Giunta maiolatese e possono essere realizzati “senza interrare” rifiuti speciali!

7) Quando parlate di “progetti alternativi, corredati di parere legale di fattibilità”, vicesindaco, sindaco e assessori maiolatesi, fate un esame di coscienza e dite ai cittadini che avete profumatamente pagato dei professionisti per avere dei progetti non rispettosi della normativa in vigore e che vi state arrampicando sugli specchi per avere ragione a tutti i costi!

8) Inoltre, vicesindaco, sindaco e assessori maiolatesi, non avete alcun titolo per incolpare il M5S di citare relazioni e rapporti non completi, quando proprio voi avete dato l’incarico, pagandolo, ad un medico in pensione, per leggere parzialmente, in una pubblica assemblea, un rapporto dell’Arpam, che nella sua interezza avrebbe avuto un significato del tutto contrario a quello voluto dall’amministrazione comunale! Siete voi i maestri dell’estrapolazione e della manipolazione dei documenti!

9) L’ultima cosa riguarda la trasparenza: dato che è paladino della trasparenza, il vicesindaco Carbini dovrebbe raccontare ai cittadini quello che è accaduto nell’Assemblea di Coordinamento dei soci Sogenus del 25.06.2016, in occasione dell’approvazione delle proposte del Bilancio Consuntivo dell’esercizio 2015 e del Bilancio di Previsione dell’esercizio 2016. Perché Carbini, paladino della trasparenza, non racconta ai cittadini come sono andate le votazioni sui due documenti più importanti della partecipata? Lo diciamo noi: favorevoli all’approvazione solamente il Comune di Maiolati rappresentato dal vicesindaco, Anconambiente Spa (il cui voto per delega lo ha espresso lo stesso Carbini) e Cis Srl; contrari i Comuni di Castelbellino, Castelplanio, Mergo, Monte Roberto, Serra San Quirico e Staffolo; astenuti i Comuni di Cupramontana e Rosora. Persino Rosora che doveva essere incorporato da Maiolati non ha votato in sintonia con il vicesindaco Carbini! Pertanto Carbini, quasi “in solitaria”, grazie alle quote possedute, ha fatto passare le due proposte in totale disaccordo con gli altri Comuni, con un atteggiamento irrispettoso della volontà degli altri soci, basato solo su posizioni di forza.

Questa è l’amministrazione di Maiolati, la “più amata dagli italiani”!

Ma dove è finito quel clima aulico, bucolico, del “vogliamoci tutti bene”, descritto con molta fantasia in un articolo di qualche giorno fa, dove sbandieravate “lo spirito di trasparenza e di unità che sta alla base delle vostre iniziative che vorrebbero coinvolgere i Comuni del CIS”?!

Balle!”

 

Comunicato da:

M5S Maiolati Spontini

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.