«Nerone, un altro gatto impallinato»: l'allarme lanciato da '4 Baffi' | Password Magazine

«Nerone, un altro gatto impallinato»: l’allarme lanciato da ‘4 Baffi’

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Gli hanno sparato, forse più volte, riempendo il suo corpo di pallini.  É quanto accaduto a Nerone, una gatto recuperato da «4 Baffi», l’associazione jesina che si occupa di animali nel territorio e in particolar modo dei felini. «Ancora una volta a breve distanza da un altro micio approdato in una delle nostre colonie, stiamo soccorrendo un animale risultato pieno di pallini dagli esami ecografici – fa sapere Selly Buffarini, una delle volontarie -. Essendo il secondo caso in poco tempo, ci viene da pensare che sia una pratica diventata purtroppo usuale». Il gesto di qualcuno senza cuore che, per divertirsi, ha scambiato il povero micio per un bersaglio.

Mister Nerone è stato recuperato nei pressi del centro storico di Jesi e immediatamente affidato a cure veterinarie grazie all’opera delle volontarie: «La sua spina dorsale è stata danneggiata e soffre anche di un’infiammazione data forse dai pallini nell’organismo. Stiamo cercando di rimetterlo in sesto e di trovargli una famiglia che lo adotti» prosegue la Buffarini. Circa una quarantina i pallini trovati nel corpo dell’animale, esattamente come per l’altro gatto soccorso qualche tempo prima dalle volontarie ma che purtroppo non ce l’ha fatta: «Abbiamo aperto una raccolta fondi per sostenere le cure di Nerone – conclude la volontaria – Resta la preoccupazione davanti a gesti tanto crudeli, ricordiamo che maltrattare un animale è un reato penale e punibile».

L’associazione 4 Baffi riporta poi l’attenzione sul problema degli abbandoni e delle segnalazioni di scomparsa: «Attenzione a porte o finestre lasciate aperte» aggiunge la volontaria. Poi un appello al Comune affinché al più presto si arrivi alla realizzazione dell’oasi felina.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.