Nuovi dehors, giá una trentina di domande in tre giorni | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Nuovi dehors, giá una trentina di domande in tre giorni

JESI – Sono una trentina le domande pervenute al Comune da parte di bar, ristoranti ed altri esercizi pubblici per installare o ampliare dehors e poter così avere maggiori spazi per accogliere i clienti, tenuto conto del distanziamento obbligatorio previsto per legge. 

Dehors

«Benché giunte in ritardo rispetto a quanto concordato – dicono dal Comune – in appena tre giorni gli uffici tecnici le hanno valutate, mappate, verificandone la compatibilità».

Oggi, nel corso dell’incontro con i rappresentanti degli esercizi pubblici e delle associazioni di categoria, verranno fornite le risposte, unitamente al modello di domanda per l’autodichiarazione già predisposto per agevolare ulteriormente l’esercente nella compilazione della domanda.

«È questo l’ennesima conferma dell’impegno dell’Amministrazione comunale ad agevolare i locali pubblici in questa fase certamente complessa – dicono da piazza Indipendenza -. Ennesima, perché questa disponibilità segue la decisione di intervenire nelle misure tributarie».

Oltre alla sospensione della Tosap fino al 31 ottobre 2020 come disposto a livello nazionale, il Comune ha deciso di rinviare infatti al 15 luglio la prima rata della tassa rifiuti (la cui scadenza era inizialmente fissata al 15 maggio) proprio in attesa che da parte del governo siano adottati provvedimenti che possano consentire agli enti locali di venire incontro alle legittime esigenze di operatori economici che sono stati fermi per oltre due mesi e mezzo.

«L’attenzione di questa Amministrazione verso l’attività degli esercizi pubblici è stata notevole in questi anni – si legge dalla nota del Comune – dall’introduzione dei dehors per agevolare il servizio all’aperto alle misure incentivanti per le nuove attività aperte in centro e negli altri quartieri cittadini. 

Sorprende, pertanto, e non poco, la pretestuosa polemica di taluni che, pur non conoscendo affatto le misure che si stanno adottando, hanno criticato frettolosamente il Comune che, in realtà, si sta muovendo anche nel loro interesse. Prova ne sia che diversi operatori hanno contattato gli amministratori per esprimere apprezzamento per le scelte che in questi anni ed in questo particolare momento sono state adottate».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.