Opportunità per il turismo dal recupero di capannoni dismessi | Password Magazine
Banner4Baffi

Opportunità per il turismo dal recupero di capannoni dismessi

JESI – Recuperare il patrimonio edilizio esistente in ambito rurale attraverso la sostituzione di capannoni dismessi con fabbricati di ridotta consistenza volumetrica da destinare a residenza e attività ricettive. È una importante scelta sotto il profilo economico ed ambientale quella assunta dalla Giunta comunale nella sua ultima seduta che da un lato permette di incentivare le forme di turismo rurale e dall’altro opera una globale riduzione del costruito in campagna.

Con la decisione della Giunta, infatti, vengono rivisti i criteri attualmente in vigore nel piano regolatore di Jesi, uniformando anche ai grandi fabbricati inutilizzati la disciplina prevista per le case coloniche abbandonate.

In sostanza, si consentirà il recupero dei capannoni senza alcun incremento di consistenza e, laddove questi superano i mille metri quadrati, si prescrive la demolizione della eccedenza. Dei mille metri quadrati ammessi al recupero, si stabilisce che tale superficie debba essere frazionata in massimo 3 edifici distinti l’un l’altro di circa 330 mq ciascuno, corrispondente al limite volumetrico delle case coloniche previsto dalla legge regionale, per farne residenze e strutture ricettive.

“Per accedere al recupero residenziale o turistico rurale dei fabbricati agricoli inutilizzati – spiega l’assessore all’urbanistica Mario Bucci – la condizione più importante dal punto di vista paesaggistico è la sostituzione di questi grandi contenitori con edifici più piccoli che dovranno avere i caratteri tipologici delle case rurali tradizionali. Per l’eventuale eccedenza volumetrica disponibile vi è l’obbligo della demolizione senza ricostruzione, recuperando così importanti quote di suolo”.

La Giunta ha altresì dato mandato agli uffici di predisporre un regolamento che definisca modalità aggregative, tipologie, materiali e quant’altro necessario per un corretto inserimento dell’intervento nel contesto rurale.

“È crescente la domanda di operatori che intendono realizzare country house, agriturismi, bed & breakfast, affittacamere nella nostra campagna” ricorda l’assessore Bucci. “Con questa modifica – aggiunge – diamo l’opportunità di intervenire in maniera armonica con il territorio rurale, attraverso edifici di piccole dimensioni, riducendo sensibilmente l’impatto ambientale. Un intervento che è da stimolo anche all’edilizia, in quella prospettiva di recupero dell’esistente senza intaccare ulteriore suolo che è alla base delle scelte di questa Amministrazione comunale”.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.