Il Calendario delle cipolle 2014 di Alfio Lillini | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il Calendario delle cipolle 2014 di Alfio Lillini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Torna il “calendario delle cipolle” di Alfio Lillini per il 2014:

“Buon anno a tutti – scrive Lillini – L’anno 2013 appena concluso (con la Pasqua marzuola il 31 di marzo) ci ha portato “fame e bisciola” (miseria purtroppo), la recessione globale si fa sentire eccome! Ma il Natale 2013 con la luna buona, (e le tredici lune nell’anno 2014), è di buon augurio per un anno migliore, speriamo!”

“Per l’anno 2014 i segni della natura ci dice che il meteo sarà clemente, l’inverno sarà sì lungo, ma non duro; un vecchio detto dice, “se la prima neve cade sulla foglial’inverno a poca voglia” di fare l’inverno!

Se pur brevi avremmo le mezze stagioni, non sarà un anno siccitoso, e neanche tanto afoso, non mancherà comunque periodi di stagione, (vedi grandinate).

Il freddo ci accompagnerà quasi fino alla metà di aprile, con la primavera abbastanza tardiva e variabile, l’estate che da fine maggio stenta ad andare a regime, con un picco afoso alla fine luglio, ed un agosto che dalla fine della 2° decade ha ben più poco di estate, ma con un settembre estivo almeno fino alla metà del mese.

Poi pioggia e variabilità, temperature in calo da metà ottobre, fino al freddo di metà novembre, con neve in quota dalla 3° decade,  poi l’inverno vero, con freddo e gelate da dicembre, e neve per Natale a quote collinari”.

E conclude: “Avviso ai naviganti! E’ da anni, (almeno 10) che dico e scrivo, che la tropicalizzazione avanza sovrana, almeno prendiamone atto!  che il nostro territorio è fortemente in stato di abbandono, esempio le nostre colline sono tutte insellate, questo è un forte e chiaro segnale di una cultura non  più sostenibile; il territorio deve essere sì governato, ma anche rispettato. I nostri corsi d’acqua, anno necessità urgente di salvaguardia ambientale continua. Le istituzioni preposte devono si programmare,  ma fare anche più manutenzione. Serve più vigilanza ambientale sul territorio. Lo scrivo da anni:  Ma è già tardi!”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.