Ospite del GUS dà in escandescenze in centro, sangue e vetri rotti in via Cavour

JESI – Non aveva ottenuto il riconoscimento dello status di rifugiato ma si rifiutava di abbandonare la comunità del GUS e i benefici previsti dal programma ministeriale.

Al punto da opporre resistenza persino alle autorità e arrivare a ferirsi spaccando i vetri dell’appartamento in cui alloggiava, in via Cavour, un alloggio temporaneo che il GUS destina ai richiedenti asilo. Il protagonista di questa vicenda è un ragazzo del Gambia,  di 26 anni. Tutto inizia questa mattina, poco prima delle 11, quando sono gli agenti di PS del Commissariato di Jesi a fargli visita per primi, dato che il giovane non voleva lasciare l’alloggio su invito degli operatori del centro.

La volante della Polizia intervenuta questa mattina

All’arrivo della Polizia, il ragazzo veniva trovato in possesso 7 grammi di hashish e pertanto accompagnato in Commissariato e segnalato alla Prefattura come assuntore. Una volta rilasciato, intorno alle 14.30, il 26enne torna all’appartamento di via Cavour, deciso a non lasciarlo, ma è immediatamente raggiunto da una pattuglia dei Carabinieri. Qui ha dato in escandescenza rompendo con un pugno i vetri della finestra e ferendosi al braccio destro.

Sangue in via Cavour

Sul posto arrivano anche gli agenti della polizia municipale. Automedica e Croce Verde giungono sul posto per prestare i primi soccorsi sanitari. Il ragazzo è stato poi trasferito a Torrette per cure e accertamenti medici.

Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*