Palio San Floriano, presentata la 25esima edizione: taverne, date ed eventi | Password Magazine

Festival Pergolesi

Palio San Floriano, presentata la 25esima edizione: taverne, date ed eventi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Conto alla rovescia per il Palio di San Floriano. Dieci giorni di festa, a partire da questo fine settimana, per la rievocazione storica jesina che torna in città dopo due anni di stop a causa del covid. Oggi la conferenza stampa di presentazione dell’evento a cura dell’Ente Palio San Floriano, l’associazione organizzatrice, che si appresta a tagliare il traguardo della 25esima edizione.

«Il tema scelto per quest’anno è #RinasciPalio, una manifestazione di riscatto per noi e la città dopo l’emergenza sanitaria – fa sapere il presidente dell’Ente Palio Emanuel Santoni -. Torna la kermesse con un programma consolidato di 10 giorni, distribuito su due fine settimana, a partire già da domani 29 aprile e fino a l’8 maggio».
«Si torna alla manifestazione così come eravamo abituati a viverla – sono le parole dell’assessore alla Cultura Luca Butini che ha portato i suoi saluti -. Ben venga il Palio come prima manifestazione di massa che torna a Jesi dopo il covid. Da sempre la sicurezza è stata priorità per l’Ente Palio, certo ci sono probabilmente ancora in circolazione delle paura ma questa sarà l’occasione per mettersi ancora di più alla prova, responsabilmente».

Si inizia dunque domani con gli eventi del pre-Palio.

La data del 29 aprile si apre con la Caccia al tesoro ‘Alla ricerca dei legnetti perduti'(16.30/19)  al Museo Federico II. Un’iniziativa in collaborazione con l’Ente Palio San Floriano che, tramite il progetto scuola, ha permesso la distribuzione di 1550 legnetti destinati ai bambini degli istituti di Jesi e Vallesina.  La sera appuntamento invece al Circolo Cittadino di Jesi con il ritorno del Palio teatrale in collaborazione con l’associazione culturale Willer&Carson, e una sfida teatrale tra i Quattro quartieri storici con le loro Compagnie. Costo serata (spettacolo + cena) 20 euro.

Tra le novità della 25esima edizione, è il ritorno dei cavalli: sabato 30 aprile nell’area verde di Porta Valle (nei pressi della stazione delle corriere), l’Ente Palio San Floriano in collaborazione con Uisp e il circolo ippico Il Remolino, a partire dalle ore 16, propone una gara equestre valevole per l’assegnazione del palio dei quartieri.  Ci sarà poi un’anteprima taverne con l’apertura della Taverna San Floriano (in via San Marino, piazza Baccio Pontelli) e una visita al torrione del Mezzogiorno con esposizione dei pannelli La Vita di San Floriano, in collaborazione con i Templari Cattolici d’Italia. A chiudere, alle ore 21, lo spettacolo a teatro ‘L’assedio di Ancona’. Laboratori creativi al museo Federico II nei giorni 1,2 e 3 maggio traghettano la manifestazione fino all’apice quando, a partire dal 4 maggio, si entrerà nel vivo della kermesse. 

Dal 4 maggio si entra nel clou: torna la Scampanada de San Fiorà.

Nel pomeriggio del 4 maggio, come da tradizione, non mancherà il corteo delle campanelle dei bambini, dalla cattedrale alla Chiesa di San Nicolò, con la benedizione delle campanelle al duomo e poi momenti di animazione (tornano anche San Floriano e il Diavolo in collaborazione con La Girandola di Jesi). Alla Chiesa di San Nicolò ci sarà poi il concertino di musica a cura del prof. Luciano Merli.

conferenza palio 2
Emanuel Santoni, presidente dell’Ente Palio, con Stefano Squadroni, presidente UISP per la presentazione della gara equestre del 30 aprile

Il 5 maggio apertura delle taverne fino a l’8 maggio.

Saranno in tutto sei le taverne: oltre alla taverna San Floriano (piazza Baccio Pontelli), ci saranno anche la taverna Castrum Belvideris (piazza Indipendenza), la taverna Li Conti (piazza Spontini), l’Hosteria de li Commedianti (dietro al Duomo, in via delle Terme). Altre due saranno la casetta di vino e birra dell’Ente Palio, in piazza della Repubblica e lo Chiosco di San Settimio in piazza Ghislieri, aperto anche il giovedì a cena con vino, birra e panini. Non mancherà il concorso del Piatto Tipico Medievale.

Il programma degli eventi, giovedì 5 maggio, si apre con l’apertura del mercatino medievale (durata fino a domenica) in piazza della Repubblica, l’inaugurazione della mostra fotografica del Circolo Ferretti ‘Jesi’ alla Chiesa di San Nicolò e il convegno del comitato storico scientifico, coordinato dalla prof.ssa Maria Cristina Zanotti, in collaborazione con Italia Nostra e l’associazione Quaderni Storici Esini dal titolo ‘Miti e Storie della Vallesina Medievale’. 

zanotti
Emanuel Santoni, presidente dell’Ente Palio, con la prof.ssa Maria Cristina Zanotti per la presentazione del convegno del 5 maggio. Tra le nuove collaborazioni dell’Ente, quella con Italia Nostra e l’associazione Quaderni Storici Esini.

Venerdì sarà la giornata con le competizioni valevoli per il Palio dei Quartieri.
Nel fine settimana dal 6 a l’8 maggio, gli eventi si svolgeranno, oltre che per le vie del centro, anche in piazza Baccio Pontelli, piazza Colocci, piazza Pergolesi (qui da sabato 7 maggio ci saranno giochi medievali a cura della Ludoteca La Girandola).

Tra le varie collaborazioni in questa 25esima, anche quella con il Liceo Artistico Manucci, la Consulta delle Nuove Generazioni e il Comitato Abitanti Centro Storico che parteciperà con una delegazione in costume al corteo.

Sabato 7 maggio e domenica 8 maggio tornano: il corteo dei figuranti, gruppi storici e ospiti, le sfide tra Comuni (gara arcieristica e corsa della campana a cura del CSI) valevoli per l’assegnazione del Palio 2022, il torneo Bagnacavalli di tiro con l’arco storico, spettacolo conclusivo in piazza Baccio Pontelli.
Ingresso alla manifestazione è gratuito.

Il programma completo della manifestazione a questo l link.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.