Jesi primo comune in zona arancione: ecco cosa cambia | Password Magazine

Jesi primo comune in zona arancione: ecco cosa cambia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Jesi è il primo comune dell’anconetano ad adottare il modello del mini-lockdown istituendo sul proprio territorio la zona arancione. Da oggi e fino a domenica 28 febbraio, sono chiusi bar e ristoranti (aperti solo per il servizio di asporto e consegna a domicilio) con sospensione dell’attività didattica in presenza per scuole medie e superiori, chiusura di parchi, centri polivalenti, mostre e musei. Un provvedimento che il sindaco Massimo Bacci ha istituito per frenare i contagi, in crescita in città.
L’ordinanza sindacale non vieta gli spostamenti fuori comune purché si resti nell’ambito della provincia di Ancona, sulla base dell’ordinanza regionale.
A questo provvedimento sta però per aggiungersi quello che il presidente della Regione Francesco Acquaroli firmerà questa mattina e che avrà effetto da domani 23 febbraio e fino alle ore 24 di sabato 27 febbraio.

Questa nuova ordinanza istituisce, vista l‘accelerata del virus nell’anconetano, il divieto di spostamento tra comuni (se non per motivi di lavoro, salute, studio e necessità comprovate) e la zona arancione a macchie di leopardo nella provincia di Ancona: oltre a Jesi, diventano arancioni domani Ancona, Osimo, Senigallia, Falconara Marittima, Filottrano, Staffolo, Serra de’ Conti, Polverigi, Cupramontana, Camerata Picena, Monte San Vito, Maiolati Spontini, Chiaravalle, Ostra, Loreto, Sirolo, Sassoferrato, Castelplanio e Castelfidardo.

Tutti gli altri comuni restano in ZONA GIALLA. Resta in vigore fino a sabato compreso l’ordinanza che limita gli spostamenti in entrata e in uscita dal territorio provinciale di Ancona. I dettagli della nuova ordinanza saranno illustrati in giornata.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.