Polizia cattura latitante ricercato per molteplici reati tra cui rapine e furti | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Polizia cattura latitante ricercato per molteplici reati tra cui rapine e furti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il Commissariato PS di Jesi, agli ordini del Dirigente dott. Michele Morra, hanno tratto in arresto un latitante ricercato dalle Procure di Ancona, Macerata e Napoli, in esecuzione di un ordine di custodia cautelare.

Si tratta di un tunisino, classe 1985, già noto alle forze dell’ordine seppur con 12 diversi nominativi che nel corso della sua “carriera” criminosa avrebbe fornito via via alle autorità di polizia. Per alcuni era Rakà, per altri Mohamed: fatto sta che sarebbe lui l’autore di una trentina di reati tra rapine e scippi sul territorio, tra cui un furto al supermercato Famila ai danni del personale dipendente a fine maggio.

Un colpo che, insieme ad altri scippi avvenuti nella zona sempre nelle ore serali, avevano indirizzato le indagini verso la Stazione ferroviaria di Jesi.

È qui che gli agenti mercoledì sera notano il giovane ricercato scendere dal treno, lanciandosi al suo inseguimento.

Ma Rakà è robusto e agile e con un salto scavalca una recinzione di due metri e brandisce un coltello. Scappa via correndo, velocissimo, fino a far perdere le sue tracce.

La Polizia non si arrende e circoscrive un’area sul territorio oltre la quale, a piedi, il latitante non si sarebbe potuto spingere. Ad insospettire gli agenti del Commissariato PS di Jesi è un ordine di due pizze da far recapitare, ieri intorno le 12.00, presso la residenza di una ragazza del ’91 costretta ai domiciliari per droga, in via Gallodoro.

È qui che la Polizia scova il ricercato criminale, nascosto all’interno dell’armadio della camera da letto della donna che lui stesso dichiara di frequentare per motivi sentimentali.

Arrestato, è stato accompagnato prima all’ospedale per un improvviso malore che, invece, si sarebbe rivelato un ulteriore tentativo di fuga, mal riuscito. L’uomo dai 12 nomi è stato infine condotto alla Casa circondariale di Monteacuto per scontare la sua pena.

L’uomo era noto alle forze dell’ordine dal 2009 per attività di scippo nei vicoli di Napoli, dove resta fino al 2015. Soggetto violento e dunque pericoloso, in più occasioni, aveva fatto uso di coltelli e armi da taglio per rapine. Clandestino sul territorio nazionale, arriva nelle Marche nel 2015: varie volte viene fermato per reati di furto e scasso, identificato dalle telecamere di Ancona.

Si sposta nel macertese con furti soprattutto in abitazione o nelle auto, spaccando i vetri dei finestrini e facendo bottino di borse e telefoni.

Dal mese di marzo di questo anno aveva fatto perdere di nuovo le sue tracce. Poi l’epilogo a Jesi dove ad incastrarlo definitivamente l’analisi delle impronte digitali.

Chiara Cascio

 

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.