Psicologia dell'amore: la storia di un uomo e di una donna | Password Magazine
Festival Pergolesi

Psicologia dell'amore: la storia di un uomo e di una donna

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

“Erano simili e diventarono grandi amici. Era un rapporto meraviglioso: si rispettavano e nessuno cercava di prevalere sull’altro. Ogni passo che facevano li rendeva felici; non c’era invidia, gelosia, controllo, possesso. La relazione continuava a crescere. Amavano stare insieme perché si divertivano molto. Quando erano soli ciascuno sentiva la mancanza dell’altro. Un giorno mentre l’uomo era fuori città pensò: “Forse ciò che sento per lei è amore, ma è così diverso da ciò che ho provato in passato. Non è ciò che dicono i poeti o la religione, perché io non mi sento responsabile per lei. Non le chiedo nulla, non ho bisogno che si occupi di me. Non sento la necessità di incolparla dei miei problemi. Insieme stiamo bene e ci divertiamo. Io rispetto il suo modo di pensare e lei non mi mette mai in imbarazzo. Non mi sento geloso quando è con altri e non invidio i suoi successi. Forse l’amore esiste davvero, alla fine, ma non è ciò che tutti credono che sia.”Non vedeva l’ora di tornare a casa e parlare con la donna, per raccontarle dei suoi strani pensieri. Appena cominciarono a parlare lei disse:”So esattamente a cosa ti riferisci. Io ho avuto la stessa idea tempo fa, ma non volevo parlartene perché so che non credi all’amore. Forse dopotutto l’amore esiste, ma non è ciò che pensavamo che fosse.”I due decisero di diventare amanti e di vivere insieme e sorprendentemente le cose tra loro non cambiarono. Continuavano a rispettarsi e a sostenersi e l’amore cresceva sempre di più. Anche le cose più semplici li facevano gioire, perché si amavano ed erano felici. Il cuore dell’uomo era così pieno d’amore che una notte accadde un grande miracolo. Era intento a guardare le stelle e né vide una bellissima. Il suo amore era così forte che la stella scese da cielo e finì nelle sue mani. Quindi accadde un altro miracolo e la sua anima si fuse con la stella. La sua felicità era intensa e andò subito dalla donna per mettere la stella nelle sue mani. Non appena lo fece lei ebbe un momento di dubbio: quell’amore era troppo forte. Non appena quel pensiero le attraversò la mente, la stella le cadde di mano e si ruppe in un milione di pezzi. Ora c’è un vecchio che gira per il mondo giurando che l’amore non esiste. E in una casa c’è una donna anziana che aspetta un uomo, versando lacrime amare per il paradiso che aveva tenuto tra le mani, perdendolo in un momento di dubbio. Questa è la storia dell’uomo che non credeva all’amore.”
Cosa non funzionò? Chi sbagliò?Fu forse l’uomo dando alla donna la stella, cioè tutta la sua felicità. La felicità non viene mai dal di fuori. L’uomo era felice per tutto l’amore che proveniva da sé stesso. La donna era felice per tutto l’amore che proveniva da lei. Appena lui la rese responsabile della propria felicità lei ruppe la stella, perché non poteva farsi carico della felicità di un altro essere. Indipendentemente da quanto lo amasse, non avrebbe potuto renderlo felice. Se prendete la vostra felicità e la mettete nelle mani di un’altra persona prima o poi quella persona la distruggerà. Se la felicità, invece vive dentro di voi siete voi ad esserne responsabili. Mattiamo la nostra stella (felicità) nelle mani dell’altro, sperando che ci renda felici e noi renderemo felici lui, o lei. Indipendentemente da quanto amate un’altra persona, non sarete mai ciò che quella persona vuole che siate. Questo è l’errore che quasi tutti facciamo sin dall’inizio. Basiamo la nostra felicità sul partner, facciamo promesse che non possiamo mantenere. La storia ha vari punti di riflessione su aspetti essenziali in una coppia e nelle relazioni: il rispetto e il non dominare l’atro, prevaricare, la pura felicità dello stare insieme, la condivisione semplice senza ricatti, pretese, aspettative. Non c’è gelosia, invidia, non incolpo l’altro dei miei problemi o carenze, sono io il solo responsabile di me, della mia vita e della mia felicità, posso condividere tutto questo, amare, stare insieme, ma non posso attribuire all’altro la mia infelicità o felicità.
Cerchiamo di comprendere bene il concetto di completezza l’Uomo e la Donna sono complementari e questo è un fatto indiscutibile, in quanto ognuno di essi ha delle caratteristiche specifiche proprie del genere al quale appartiene. Ma questo non vuol dire che si completano a vicenda e che l’uno senza l’altra sono esseri incompleti, perché, se così fosse, ogni unione fra un Uomo e una Donna dovrebbe condurre entrambi gli esseri alla perfezione, ma ciò non avviene. Qual è dunque la motivazione profonda di questo “insuccesso”?
Se un individuo,  sia esso Uomo o Donna, ha delle carenze in uno qualsiasi degli ambiti della propria sfera esistenziale non può e non ha il diritto di credere che ci possa essere qualcun altro che rimedi alle proprie carenze. Facciamo un esempio banale: se, per esempio, una donna ha delle difficoltà a ricordarsi alcune cose come la scadenza del pagamento di una bolletta, e invece per il partner è una cosa spontanea e naturale,  però stenta a ricordare la data del compleanno dei figli, degli amici più cari, o degli anniversari,  cosa che ad una Donna difficilmente accadrebbe, non vuol dire che i due partner siano complementari, infatti, da questo esempio si evince che i partner, che sono due esseri distinti, valgono per una persona, e che, pur stando insieme, sopperendo a vicenda alle mancanze dell’altro, individualmente rimangono degli esseri incompleti, ed è questo il vero dramma. Un Uomo ed una Donna, insieme, devono sì aspirare a diventare Uno, ma questo non vuol dire che devono essere due metà, essi devono aspirare a diventare due unità complete. Quindi è bene guardarsi dentro e comprendere che la pienezza interiore non può essere data dall’approvazione di coloro che ci  circondano e soprattutto del partner, perché questo determinerebbe una dipendenza straziante, dannosa e devastante per entrambi i partners. Lo scopo di un percorso di conoscenza che conduca alla piena consapevolezza di sé, è essenzialmente questo: diventare completi, intelligenti, consapevoli di se stessi, del proprio valore, pieni di dignità, capaci di distinguere l’Amore dalla necessità di sentirsi amati che, non è una colpa, ma induce spesso a commettere degli errori dei quali si è responsabili per se stessi e per l’altro. Infatti non è raro che  poi si cerchi  di addossare tutte le colpe all’altro, adottando atteggiamenti che rasentano il vittimismo. La più grande garanzia per se stessi e per coloro con i quali si entra in contatto è l’AMORE. Solo se si Ama profondamente si può beneficiare di un sostegno inimmaginabile, solo in questo modo il rapporto con l’altro può offrire un’opportunità di crescita straordinaria. Ma andiamo per gradi, iniziamo con l’Amore verso se stessi e da un principio meraviglioso: L’Amore è Libertà. Libertà di essere, essere come si è, liberandosi dai condizionamenti della famiglia, della società, della cultura, dalla necessità di essere sempre approvati dagli altri, dal giudizio su di sé e sugli altri…lascio a voi lo spazio per continuare la lista..
Buona Vita!!!

 

Dott.ssa Norma Zingaretti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.