Riqualificazione dei borghi: incentivi volumetrici ed economici | | Password Magazine

Riqualificazione dei borghi: incentivi volumetrici ed economici

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Incentivi volumetrici ed economici a quanti decideranno di recuperare i “retri” degli edifici dei borghi storici, eliminando quelle antiestetiche costruzioni posticce, spesso costituite da bagni sopraelevati.

Lo ha deciso la Giunta comunale che, nella sua ultima seduta, ha dato mandato all’Area Servizi Tecnici di modificare le relative norme urbanistiche. Un provvedimento per il recupero dell’edilizia storica minore che interesse oltre un centinaio di abitazioni presenti nei borghi, da via Roma a via Garibaldi, da via Rosselli a via Marconi. Abitazioni, queste, cresciute lungo le direttrici storiche costituite da un fabbricato principale su strada, normalmente di due-tre piani, e  di una serie di corpi di fabbrica accessori posti in aderenza sul retro dell’edificio. Questi normalmente hanno avuto origine con la realizzazione del piccolo servizio igienico “a sbalzo” in corrispondenza del pianerottolo delle scale. In seguito hanno anche subito trasformazioni in ragione delle accresciute esigenze dei residenti, fino ad assumere maggiori dimensioni e diverse conformazioni.

Per lunghe decenni queste parti di abitazione, proprio perché poste sul retro, rimanevano nascoste. Poi, i vari interventi di recupero dei grandi complessi edilizi produttivi dismessi, le hanno di fatto “portate alla luce”, rendendole visibili nella loro poco elegante conformazione urbanistica. Di qui l’opportunità di disciplinare ed incentivare il recupero e la ricomposizione di queste parti di abitazione, attraverso norme che consentano la demolizione e una ricostruzione più razionale, più presentabile, più corretta, con un duplice vantaggio: da un lato la possibilità di aumentare leggermente la volumetria rispetto al corpo dell’edificio demolito, dall’altro una riduzione degli oneri di costruzione.

La decisione è stata assunta, oltre che per fini estetici, anche perché in questi borghi storici vi è una spiccata sensibilità ad interventi di recupero da parte dei residenti. Benché infatti si tratta di zone limitate, in queste aree si concentrano la maggior parte degli interventi di recupero della città storica, che rappresentano circa il 15% dell’intera attività edilizia del territorio comunale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.